WSJ: Il Debito Italiano in Crescita Incombe sull’Economia Europea e su quella Globale

Riportiamo l’articolo del Wall Street Journal con i grafici e le previsioni del FMI sulla crescita esponenziale del debito italiano. Se teniamo presente che il FMI ha sempre sottovalutato i danni delle terribili politiche che raccomanda e che i governi collaborazionisti continuano a seguire – controproducenti per il paese ma assai favorevoli a chi ha interesse ad appropriarsi delle nostre imprese e delle nostre risorse – vuol dire che siamo vicini alla fine.  Come ricordano Eichengreen e Panizza, le previsioni sono in realtà ancora peggiori.  

WSJ – Giovedì il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato nuovamente il suo outlook per il Belpaese, prevedendo per quest’anno una contrazione dello 0,1% invece che una crescita dello 0,3%. Ciò significa il terzo anno consecutivo di contrazione.

[…]
Forse, come altri in Europa, il FMI è stato per lo più ottimista sulla capacità di Roma di fare i duri cambiamenti economici necessari per stimolare la crescita e ridurre i livelli del debito (!, ndVdE). Il risultato è che il Fondo si è sempre sbagliato. L’errore mediano di previsione negli ultimi otto anni è stato di 1,6 punti percentuali sui valori della crescita effettiva del prodotto interno lordo.
ItalyIMFForecastError
“Mentre i risultati della crescita in Italia spesso tendono ad essere peggiori del previsto, le proiezioni di crescita attuali sono in linea con il consensus, ma comunque al di sotto delle previsioni delle autorità” ha affermato il FMI nella sua ultima relazione annuale sull’economia del paese.
[…]

Tre anni di contrazione della terza economia europea hanno pericolosamente spinto i livelli del debito sempre più in alto. Non è un rischio trascurabile per il resto del continente, o per l’economia globale.

Il FMI ha dovuto correggere ripetutamente le sue previsioni sulla crescita del debito sempre più in alto e più in là nel calendario, una montagna di obbligazioni che rischiano di travolgere la capacità del paese di pagare negli anni a venire, soprattutto se il governo non sarà in grado di generare lo slancio per una politica di riforme politiche ed economiche (le famigerate Scuse Strutturali, ndVdE).

crescita debito

Senza cambiamenti strutturali nell’economia, le proiezioni del Fondo prevedono un debito italiano in continua crescita:

ItalyDebtRise

E così il paese avrà bisogno di raccogliere più liquidità:

ItalyGrossFinancing

L’Italia è stata in qualche modo isolata e protetta. In primo luogo, i meccanismi dei salvataggi europei e l’impegno della BCE a “fare tutto il necessario.” In secondo luogo, il debito italiano ha una struttura a lungo termine, nel senso non ci sono esigenze di finanziamento immediate.

Ma, avverte il FMI, il paese rimane vulnerabile a una perdita di fiducia del mercato, date le dimensioni dei suoi bisogni di rifinanziamento, che spingono verso l’alto i costi dell’indebitamento. Come dimostrato dagli ultimi anni, è anche esposta a shock della crescita come quelli che potrebbero venire dalla crisi Ucraina / Russia.

“Oltre ad essere un freno alla crescita economica per la regione e  oltre, ulteriori turbolenze potrebbero anche innescare ampie ricadute sull’economia in altre parti del mondo fino ad arrivare a una maggiore avversione al rischio nei mercati finanziari globali, ad aumenti della spesa pubblica o perdite di gettito, perturbazioni nei mercati delle materie prime, del commercio e della finanza “, ha dichiarato mercoledì il FMI ai leader della finanza globale.

Negli stress test, il FMI stima che la traiettoria del debito di Roma potrebbe arrivare quasi al 150% – 15 punti percentuali in più dai livelli attuali – se l’economia in Italia dovesse contrarsi con una media annua del 1,3% nei prossimi due anni o se una crisi bancaria costringesse il governo a un salvataggio dell’industria finanziaria.

Un tale scenario probabilmente provocherebbe onde d’urto in tutto il mondo, e gli sforzi dell’Italia per ristrutturare la sua economia saranno di certo un argomento cruciale al meeting del G20 di questo fine settimana in Australia.

Un alto funzionario del Tesoro statunitense ha detto di recente ai giornalisti che la crescita fiacca in Europa sarebbe stata una priorità assoluta durante la riunione. “Abbiamo sottolineato la necessità di stimolare la domanda interna in Europa, e abbiamo sottolineato che essa richiederà l’attuazione di misure più accomodanti, attivando tutta la gamma delle politiche di macroeconomia”, ha dichiarato il funzionario.

 

(traduzione di Carmenthesister)

Categories Fonti Nazioni