Coppola: la Grecia è in depressione – ma la chiamano ripresa

Sul suo blog, l’economista Frances Coppola dà risalto ad un grafico apparso sul Financial Times che mostra il disastro dell’economia greca. Quella che viene propagandata come ripresa, è figlia di un dato deprimente: la Grecia è in piena spirale deflattiva. Mentre il PIL nominale continua a contrarsi, qualsiasi sussulto vagamente positivo viene fatto sembrare un grande successo.

 

 

di Frances Coppola, 3 Dicembre 2014

Da Robin Wigglesworth del Financial Times arriva questo grafico:

 

Greekovery

 

Tra il 2008 e la fine del 2013 il PIL reale (ossia corretto per l’inflazione, ndVdE) della Grecia è crollato del 28% . Da allora è aumentato di circa il 2%. Questa è ripresa, apparentemente.

I dati più recenti sull’inflazione mostrano che l’inflazione CPI (dei prezzi al consumo, ndt) è a -1,68% e la HICP (la cosiddetta “core”, depurata dei prodotti con prezzi più fluttuanti, ndt) al -1,8%. Proprio così, questa è deflazione. In effetti la Grecia è stata costantemente in deflazione negli ultimi sei anni.

I dati di crescita annualizzati mostrano che il PIL nominale è ora in crescita dello 0,6%.

Usando una qualsiasi delle due misure dell’inflazione, il PIL reale è in diminuzione. Utilizzando la misura che la BCE preferisce, l’ HICP, la crescita del PIL reale è -1,2%.

Suppongo che, quando uno sta morendo di fame, persino le briciole possano sembrare un lauto pranzo.

 

Tradotto da Malachia Paperoga

Categories Autori Nazioni Voci dall'estero