Varoufakis arrives at a news conference after an extraordinary euro zone Finance Ministers meeting in Brussels

Sapir: L’Accordo Grecia-Eurogruppo

Jacques Sapir interviene nel contrastato dibattito sull’accordo tra la Grecia e l’Eurogruppo: nel breve termine si è evitato il caos e sono stati guadagnati quattro mesi di bilancio primario in pareggio invece che in avanzo, ma questo tempo va impiegato per preparare il Grexit, perché l’allenza europea anti-austerità è un’illusione e  soltanto un’uscita dall’euro potrà mettere fine alla politica tedesca dell’austerità.

di Jacques Sapir, 21 febbraio 2015

L’accordo raggiunto venerdì 20 febbraio tra la Grecia e l’Eurogruppo suscita commenti contrastanti. Per comprendere questo accordo e per analizzarlo è necessario situarlo nel suo contesto, sia nel breve che nel lungo termine.

Un accordo temporaneo

Questo accordo aveva lo scopo di evitare una crisi immediata. Il governo di Alexis Tsipras vi si era impegnato. Una crisi a meno di un mese dall’ascesa al potere probabilmente avrebbe provocato il caos. Inoltre, l’accordo merita di essere considerato nei dettagli. C’è molto di più di quello che dice Paul Krugman nel suo post per il New York Times. In realtà, la Grecia ha ottenuto diverse cose:

1. La Grecia non è più obbligata a raggiungere quest’anno un avanzo primario di bilancio del 3%. È richiesto solo il pareggio.

2. Il “contratto” della durata di quattro mesi è espressamente designato come una transizione verso un nuovo accordo, che naturalmente resta da definire.

3. La “Troika” non esiste più in quanto istituzione, anche se ciascuna delle sue componenti continua ad esistere. Non si parla dunque più di quelle squadre di uomini in nero che venivano ad Atene a dettare le loro condizioni.

4. Ora sarà la Grecia a scrivere l’agenda delle riforme, e la scriverà da sola. Le istituzioni daranno il loro parere, ma non potranno più imporre ad Atene un aspetto o l’altro di queste riforme in maniera imperativa.

Un vantaggio meno evidente è che il governo greco ha infranto l’unanimità di facciata dell’Eurogruppo e ha costretto la Germania a manifestare le sue posizioni. Tuttavia, la Grecia ha accettato di riconoscere – per il momento – tutti i suoi debiti. Non c’è stato alcun progresso su questo, e nessun segno di un cambiamento di atteggiamento da parte della Germania.

Un successo limitato.

Ma questo successo è limitato. Tra quattro mesi, alla fine di giugno, il governo greco sarà nuovamente a confronto con l’Eurogruppo, e questa volta non sarà una trattativa facile. Il governo di Atene proporrà delle riforme, è probabile che aumenteranno la pressione fiscale sulle categorie privilegiate, e il contenzioso con l’Eurogruppo e la Germania si accentuerà. In effetti, la Germania non potrà cedere, e nemmeno il governo greco. Questo implica che stiamo andando incontro ad un nuovo scontro, a meno che da qui ad allora emerga un’ “alleanza” anti-tedesca. Questa è la speranza di Tsipras, ma su questo sbaglia. I governi francese e italiano sono in realtà allineati sulle posizioni tedesche.

Eppure, l’idea di utilizzare gli importi stanziati per il rimborso del debito (capitale e interessi) per rilanciare l’economia greca e aumentare gli investimenti, crollati a un minimo record, ha un senso.

A-Invest

Il calo della produttività (e della produzione) è l’indicatore del sostanziale fallimento della politica dell’austerità.

A-Prod-du-T

Allo stesso modo, adottare delle misure per l’emergenza umanitaria è fondamentalmente giusto, ma si oppone frontalmente alla logica del creditore difesa dalla Germania.

Prepararsi a uscire dall’Euro.

Meglio usare questi quattro mesi ottenuti a forza di dure lotte per preparare l’inevitabile, cioè un’uscita dall’euro. Qualunque sia la strategia negoziale della Grecia, e quella progettata dal suo ministro delle Finanze Yanis Varoufakis è eccellente, dobbiamo interrogarci sullo scopo di questa trattativa. In realtà, la Grecia non può ottenere delle cose che sono, nel contesto politico attuale, contraddittorie. Non può liberarsi dal debito (almeno in parte) e mantenere l’Euro. Il paradosso sta nel fatto che un’uscita della Grecia dalla zona euro, per gli effetti che produrrà, metterà fine abbastanza rapidamente sia all’euro che alla politica tedesca dell’austerità. Ma, per ottenere questo, la Grecia deve uscire dall’euro.

Ha quattro mesi di tempo per prepararsi, per convincere la gente che un tale esito è inevitabile, e che in realtà questo risultato sarà un progresso. E’ probabile che questo comporti anche di cambiare il Ministro delle Finanze. Non che Yanis Varoufakis sia indegno, ben lungi da ciò. Ma si dovrà pure scoprire le carte e fare in modo che la nuova strategia della Grecia venga presa sul serio. La nomina di uomini e donne noti per le loro opinioni negative sull’euro sarebbe un segnale forte che ci si sta preparando a uno scontro, organizzandosi al meglio.

Categories Autori Nazioni Voci dall'estero