Stiglitz – Europa: ultimo atto?

Su Social Europe  un articolo di Joseph Stiglitz commenta i negoziati tra la Grecia e i paesi creditori. Questi ultimi continuano a insistere su un programma che si è dimostrato clamorosamente distruttivo per la Grecia,  e  il premio Nobel si chiede se, per il bene dell’Europa e del mondo, i leader europei ce la faranno ad arrivare a comprendere quel minimo di economia che possa permettere loro di salvare il progetto europeo. A questo punto, però, se il progetto dell’euro è stato sin dall’inizio un attacco sferrato al mondo del lavoro, allo stato sociale e alla democrazia,  e una guerra economica e finanziaria volta a ridurre a colonie i paesi periferici,   i leader europei in realtà sono perfettamente coerenti rispetto ai loro obiettivi non dichiarati…

Joseph Stiglitz, June 8, 2015

I leader dell’Unione Europea continuano a portare avanti la politica del muro contro muro con il governo greco. La Grecia è venuta incontro alle richieste dei suoi creditori molto più che a mezza strada. Tuttavia la Germania e gli altri creditori continuano a chiedere che il Paese firmi un programma che si è dimostrato fallimentare, e che solo pochi economisti hanno mai ritenuto che potesse o dovesse essere attuato.

Il cambiamento della situazione di bilancio greca, da un ampio disavanzo primario a un surplus, è stato quasi senza precedenti, ma la richiesta che il Paese raggiungesse un avanzo primario del 4,5% del Pil era irragionevole. Sfortunatamente, al tempo in cui la “troika” – la Commissione Europea, la Banca Centrale Europea e il Fondo Monetario Internazionale – ha per la prima volta inserito la sua richiesta irresponsabile nel programma di finanziamento internazionale per la Grecia, le autorità del Paese non avevano altra possibilità che accettare.

La follia di continuare a perseguire tale programma adesso è particolarmente grave, considerato il calo del 25% del Pil che la Grecia ha dovuto subire dall’inizio della crisi. La troika ha valutato male gli effetti macroeconomici del programma che ha imposto. In base alle sue previsioni, essa riteneva che, tagliando i salari e accettando altre misure di austerity, le esportazioni greche sarebbero aumentate e l’economia sarebbe presto tornata a crescere. Essa inoltre credeva che la prima ristrutturazione del debito avrebbe portato alla sua sostenibilità.

Le previsioni della troika si sono rivelate sbagliate, e gli errori si sono ripetuti. E non di poco, ma di molto. Gli elettori della Grecia avevano ragione a chiedere un cambiamento, e il loro governo ha ragione a rifiutare di firmare un programma profondamente sbagliato.

Detto questo, c’è la possibilità di un accordo: la Grecia ha manifestato la sua disponibilità a impegnarsi in continue riforme e ha accettato l’aiuto dell’Europa nell’attuare alcune di quelle riforme. Una dose di realismo da parte dei creditori della Grecia – su quello che è effettivamente realizzabile, e sulle conseguenze macroeconomiche delle diverse riforme fiscali e strutturali– potrebbe fornire le basi di un accordo, che sarebbe positivo non solo per la Grecia, ma per tutta l’Europa.

Alcuni in Europa, specialmente in Germania, sembrano non dare importanza a una possibile uscita della Grecia dall’Eurozona. Il mercato, affermano, ha già “scontato il prezzo” di una rottura. Alcuni hanno anche suggerito che per l’Unione monetaria sarebbe un fatto positivo.

Io ritengo che tali punti di vista sottostimino in maniera significativa sia i rischi attuali che quelli futuri. Un simile livello di leggerezza era presente negli Stati Uniti prima del collasso di Lehman Brothers, a settembre 2008. La fragilità delle banche americane era nota da tempo – almeno dalla bancarotta di Bear Stearns a marzo. Tuttavia, data la mancanza di trasparenza (dovuta in parte alla debole regolamentazione), sia i mercati che i policymaker non sono stati in grado di valutare bene le interdipendenze tra le istituzioni finanziarie.

In realtà, il sistema finanziario mondiale risente ancora degli effetti del collasso della Lehman. E le banche restano poco trasparenti, e quindi a rischio. Non sappiamo ancora la portata totale dei legami tra le istituzioni finanziarie, compresi quelli che provengono dai derivati e dai credit default swap.

In Europa, possiamo già assistere ad alcune delle conseguenze di una regolamentazione inadeguata e del progetto imperfetto della stessa Eurozona. Sappiamo che la struttura dell’Eurozona favorisce la divergenza, non la convergenza: dal momento che i capitali e le persone qualificate abbandonano le economie colpite dalla crisi, tali paesi diventano meno capaci di ripagare i loro debiti. Poiché i mercati comprendono che una pericolosa spirale al ribasso è strutturalmente insita nell’euro, le conseguenze della prossima crisi saranno molto serie. E un’altra crisi è inevitabile: è nella vera natura del capitalismo.

L’astuzia del Presidente della Bce Mario Draghi, che nel 2012 aveva dichiarato che le autorità monetarie avrebbero fatto “tutto il necessario” per preservare l’euro, finora ha funzionato. Tuttavia la consapevolezza che l’euro non è un impegno vincolante tra i suoi membri renderà molto meno probabile che il trucco funzioni ancora. I rendimenti sui bond subirebbero un’impennata, e nessuna rassicurazione da parte della Bce e dei leader europei sarebbe sufficiente ad abbassarli da livelli stratosferici, poiché il mondo ora sa che le autorità non faranno “tutto il necessario”. Come mostra l’esempio della Grecia, esse faranno solo quello che una politica poco lungimirante richiede.

La conseguenza più importante, temo, è la debolezza della solidarietà europea. L’euro avrebbe dovuto rafforzarla. Invece l’ha indebolita.

Non è nell’interesse dell’Europa – o del mondo – avere un paese alla periferia dell’Europa che viene lasciato solo dai suoi vicini, specialmente adesso, che l’instabilità politica è già così evidente. Il vicino Medio Oriente è in fermento; l’Occidente sta tentando di contenere una Russia nuovamente aggressiva; e la Cina, che era già la maggiore fonte di risparmio del mondo, il maggior paese per scambi commerciali e in complesso la maggiore economia (in termini di parità di potere di acquisto), sta facendo i conti con le nuove realtà strategiche ed economiche dell’Occidente. Non è tempo per l’Europa di dividersi.

Quando hanno creato l’euro, i leader europei si consideravano dei visionari. Pensavano di guardare oltre le necessità a breve termine che solitamente preoccupano i leader politici.

Sfortunatamente, la loro conoscenza dell’economia non è all’altezza della loro ambizione; e la politica in questa fase non ha consentito la creazione di un quadro istituzionale che potrebbe permettere all’euro di funzionare come previsto. Anche se si riteneva che la moneta unica avrebbe portato a una prosperità senza precedenti, è difficile scorgere in tutta l’Eurozona nel periodo pre-crisi un significativo effetto positivo. Da allora in poi, gli effetti negativi sono stati ingenti.

Il futuro dell’Europa e dell’euro ora dipende dalla capacità dei leader politici europei di mettere insieme un minimo di conoscenza economica con una certa lungimiranza e un certo interesse per la solidarietà europea. Probabilmente nelle prossime settimane cominceremo a conoscere la risposta a questo quesito esistenziale.

Categories Autori Nazioni Voci dall'estero