Costas Lapavitsas: le ragioni del Grexit

La politica di austerità della Germania sta guidando la UEM verso il collasso, e avrà devastato la Grecia molto prima di arrivare a questo. Dell’uscita della Grecia dall’euro potrebbe beneficiare tutta l’Europa, e l’idea sta guadagnando crescente sostegno da parte del popolo greco, scrive Costas Lapavitsas per il numero di luglio di Le Monde diplomatique (riportato da Versobooks)

di Costas Lapavitsas, 5 agosto 2015

La prospettiva del default greco e dell’uscita dall’Unione Economica e Monetaria (UEM) è sorta per la prima volta durante la crisi della zona euro nel 2010. Dal punto di vista della teoria monetaria, il problema della Grecia è semplice: un’economia debole con rilevanti problemi istituzionali si è unita ad una unione monetaria strutturalmente carente. Questa è la classica trappola di una economia debole che adotta una valuta forte – e intrinsecamente problematica. Ci sono solo due vie d’uscita: o la UEM dovrà essere completamente ricostruita, o la Grecia dovrà considerarsi inadempiente sul proprio debito ed uscire.

La causa principale del malfunzionamento della UEM è la politica della Germania di mantenere bassi i salari nominali, cosa che le ha dato un grande vantaggio competitivo e le ha permesso di diventare un creditore importante in Europa. Adottando un approccio neo-mercantilista, la Germania ha costretto la sua economia interna ad una persistente debolezza della domanda, cercando allo stesso tempo di arricchirsi commerciando con l’estero. I comuni tedeschi, soprattutto i salariati, hanno fatto le spese di una politica che avvantaggia i grandi esportatori e le banche.

Per gli altri Stati membri, la politica della Germania ha portato ad una perdita di competitività, e quindi a deficit e indebitamenti crescenti. Questo squilibrio di base della UEM nei primi anni 2000 era mascherato dalla disponibilità di credito a basso costo, che ha incentivato i consumi e gli investimenti immobiliari. Ma la crisi globale del 2007-9 ha mostrato il problema e ha portato alla crisi generale nella zona euro. La Grecia è stata colpita più duramente, perché aveva subito la perdita maggiore di competitività e si trovava di fronte ad un enorme debito di oltre 300 miliardi di euro, un ampio disavanzo delle partite correnti e un altrettanto vasto deficit fiscale, entrambi superiori al 15% del PIL. La valuta pregiata aveva rovinato la sua economia debole.

Il destino della Grecia è stato scritto nel 2010, quando la UE ha scelto l’austerità come soluzione principale per i suoi problemi, con tagli salariali, tagli alla spesa, aumenti delle tasse, riforme a favore dei mercati, e l’istituzionalizzazione dell’austerità attraverso misure quali il Six-Pack e il Two-Pack (1).

Dal punto di vista strettamente tedesco, l’austerità sposta i costi di aggiustamento sui paesi in deficit, pur tutelando gli interessi delle grandi banche e degli esportatori. La leadership tedesca sembra pensare che l’austerità consoliderà il suo predominio in seno alla UE. Ma dal punto di vista della UEM nel suo insieme, l’austerità fa diminuire la domanda, porta alla contrazione economica, e ai paesi in deficit non offre alcuna prospettiva di tornare in surplus e pagare i propri debiti. E ‘il modo più sicuro per far sciogliere la UEM nel medio periodo. E dal punto di vista della Grecia, l’austerità è disastrosa in quanto il calo della produzione e del reddito sono stati così grandi che il paese è bloccato in bassa crescita, alta disoccupazione e debito elevato. La politica della Germania sta guidando la UEM verso il collasso, ma per allora avrà devastato molto prima la Grecia.

Creditori spietati

Il governo di Syriza eletto a gennaio è da tempo consapevole delle conseguenze catastrofiche delle politiche della UE. Stava tentando di negoziare un accordo per l’abolizione delle misure di austerità, la riduzione del debito e un programma di investimenti per rilanciare l’economia. La risposta dei creditori a giugno è stata spietata: la Grecia deve raggiungere un avanzo primario (2) dell’1% nel 2015, del 2% nel 2016, del 3% nel 2017 e del 3,75% per ogni anno successivo. Non c’era alcun accenno alla riduzione del debito o a qualsiasi programma di investimento considerevole. Questa è austerità dura e radicata.

In queste condizioni, la prospettiva per la Grecia sarebbe desolante. La crescita media nel corso dei prossimi cinque anni sarà forse intorno al 2%, con fluttuazioni significative. La disoccupazione rischia di rimanere a livelli molto alti, e non vi è alcuna reale prospettiva di una ripresa per i redditi, che sono diminuiti di oltre il 30% per molti. Una società che invecchia, già carica di debiti, perderà la sua gioventù più istruita nell’emigrazione. La conseguente debolezza geopolitica è facile da immaginare: la Grecia si ridurrà all’irrilevanza storica.

Se la UE insiste nell’imporre tali politiche, la sopravvivenza della Grecia significherà fare default sul proprio debito e uscire dalla UEM come primo passo verso il rilancio della sua struttura produttiva, la promozione degli investimenti e il ripristino dello stato sociale. La Grecia allora uscirebbe dalla trappola dell’euro, e sarebbe potenzialmente in grado di cominciare un cambiamento sociale, la crescita economica, e la redistribuzione del reddito e della ricchezza. Ciò comporterebbe un conflitto con potenti interessi sia in Grecia che nel resto d’Europa. Richiederebbe grande determinazione politica e un ampio sostegno popolare.

L’unica forza politica in grado di portare la Grecia su questo strada è Syriza. La posizione ufficiale del partito per lungo tempo è stata che poteva essere realizzato un cambiamento radicale senza uscire della UEM. Ma l’atteggiamento inflessibile dei creditori della Grecia ha portato i suoi membri e i suoi elettori a rivedere il proprio parere. Il punto di vista secondo il quale il default e l’uscita dovrebbero essere considerati seriamente se i creditori sono intenzionati a ricattare la Grecia sta guadagnando consensi tra i lavoratori, i poveri e la classe media inferiore.

E’ probabile che una forte opposizione venga dagli strati superiori della società, fino ad ora relativamente non toccati dalla crisi. Hanno una voce politica nel partito di destra Nuova Democrazia e in quello di centro-sinistra Pasok, che si sono alternati al governo per decenni, così come nel ben finanziato raggruppamento centrista To Potami, che è arrivato sulla scena politica recentemente. L’élite al potere non ha alcuna visione per il Paese: si accontenta di seguire il piano d’azione dei creditori. Le divisioni sociali connaturate all’euro sono diventate chiare durante la crisi, e si riveleranno decisive nel periodo che sta giugendo.

Uscire dalla UEM

Uscire dalla UEM non sarebbe facile, ma la storia e la teoria monetarie offrono una strada. La Grecia sospenderebbe la sua adesione alla UEM, senza uscire dalla UE. La base giuridica per fare questo è semplice: i trattati già prevedano l’uscita dalla UE. Quello che vale per l’intero (UE) si applica per analogia alla parte (UEM).

La Grecia sospenderebbe i pagamenti sul debito pubblico all’estero – soprattutto al Fondo Monetario Internazionale e alla Banca Centrale Europea (BCE). La Grecia ha la possibilità di continuare a pagare i creditori privati ​​per facilitare il suo ritorno ai mercati nel futuro. Il governo greco proporrebbe una conferenza internazionale per assicurare la ristrutturazione dei propri debiti, inclusi quelli verso il Fondo Monetario Internazionale. Il governo si impegnerebbe a rispettare in pieno tutti gli obblighi verso gli agenti nazionali.

La Grecia riprenderebbe il controllo della sua banca centrale, che lascerebbe l’Eurosistema ma rimarrebbe all’interno del Sistema Europeo delle Banche Centrali (3). Il sistema bancario greco verrebbe nazionalizzato e nuove banche, solide, istituite. Sarebbero presi provvedimenti per la ristrutturazione dei mercati problematici, i prestiti al consumo e i mutui che si sono accumulati durante la crisi e che attualmente eccedono i 100 miliardi di euro. Verrebbero istituiti controlli sui capitali e bancari,  sulla falsariga dei controlli della UE a Cipro nel 2013, ma senza haircut sui depositi. I depositi bancari e i prestiti disciplinati dal diritto greco sarebbero convertiti nella nuova dracma al cambio di 1:1.

La nuova Dracma sarebbe svalutata, probabilmente in modo significativo, nelle prime settimane, e forse si stabilizzerebbe al 10-20% sotto al valore nominale dopo alcuni mesi, tenendo presente che la bilancia dei pagamenti sarebbe sostanzialmente in equilibrio e che sarebbero imposti controlli sui capitali. Studi empirici mostrano che l’effetto sulla produzione e sull’occupazione sarebbe positivo, mentre l’inflazione dovrebbe salire solo modestamente.

Le esigenze dei gruppi sociali vulnerabili sarebbero prioritarie per le merci importanti – soprattutto petrolio, cibo e medicine -, ma un minimo di preparazione dovrebbe rendere superflue le tessere annonarie.

Default e uscita avrebbero un costo, in particolare durante il periodo iniziale. Tuttavia, sarebbe solo temporaneo, e inferiore al costo del rigore necessario per rimanere all’interno della UEM.

Recessione, quindi crescita

E’ probabile che l’economia andrebbe in recessione durante il periodo di aggiustamento, che probabilmente durerebbe diversi mesi. Una volta che l’adeguamento fosse finito, la Grecia potrebbe aspettarsi una crescita sostenuta per un periodo significativo, basato sul rilascio della domanda interna repressa e sulla mobilitazione delle enormi risorse in lavoro, impianti e macchinari che giacciono inutilizzate a causa dell’austerità. Su questa base, la Grecia potrebbe iniziare a pianificare le riforme urgenti e necessarie per la sua economia e la sua società, tra cui un cambiamento strutturale dal settore dei servizi verso l’industria e l’agricoltura. Il default e l’uscita renderebbero possibile riforme profonde attraverso il ripristino della sovranità monetaria della Grecia e la capacità di generare liquidità dalle proprie fonti. La Grecia guadagnerebbe un margine di manovra nella sua politica fiscale che le consentirebbe di ricominciare gli investimenti pubblici e di sostenere gli investimenti privati.

Naturalmente la Grecia dovrebbe difendere il nuovo tasso di cambio, ma le risorse necessarie sarebbero neanche lontanamente importanti quanto quelle richieste dalla camicia di forza della UEM. Ed eventi monetari di questo tipo creano generalmente nuove opportunità per l’attività economica.

Il costo dell’austerità in Grecia è stato sostenuto prevalentemente da salariati, pensionati, poveri e dalla classe media inferiore. Un governo di sinistra potrebbe utilizzare il default e l’uscita per spostare i costi della crisi sulle spalle dei ricchi e alterare l’equilibrio di potere nel paese a favore del lavoro.

L’uscita ridurrebbe il potere d’acquisto dei salari, rendendo le importazioni più costose, ma abbasserebbe anche il valore reale dei mutui e di altri prestiti. La ripresa dell’attività economica dopo il periodo iniziale favorirebbe i lavoratori attraverso la protezione dell’occupazione e portando gradualmente a salari più alti. La politica del governo potrebbe anche favorire la redistribuzione del reddito e migliorare la situazione dei più poveri. La riattivazione del mercato interno potrebbe beneficiare le piccole e medie imprese.

I perdenti sarebbero gli interessi delle banche e delle grandi aziende che hanno guidato – e rovinato – il paese per decenni, e i creditori europei, tra cui la BCE, che soltanto sui fondi per la liquidità di emergenza (ELA – Emergency Liquidity Assistance) è esposta verso la Grecia per più di 90 miliardi di euro.

La Grecia è a un bivio storico: la sua economia è paralizzata, la sua società profondamente ferita, le sue istituzioni e la sua traballante posizione geopolitica più deboli di quanto siano mai stati da diversi decenni. Tra i paesi europei, la Grecia è unica nel completo fallimento della sua classe dirigente. Le forze sociali che potrebbero potenzialmente portarla avanti, scuotendo la società dal suo torpore attuale, sono in basso nella piramide sociale. Supportano Syriza, ed è quindi fondamentale che Syriza dovrebbe cogliere questa opportunità.

Partecipare alla UEM si è dimostrato un grave errore per la Grecia. Ma ha ancora la possibilità di prendere una strada diversa. In questo modo potrebbe anche aiutare l’Europa a liberarsi di un sistema monetario tossico che sopravvive solo perché è sostenuto da potenti interessi economici e politici. L’Europa viene lentamente strozzata e necessita di una scossa per tornare in sé. Nel corso della storia, la Grecia ha spesso giocato un ruolo sproporzionato alle sue dimensioni. Questa può essere un’altra di queste occasioni.

Costas Lapavitsas è co-autore, con Heiner Flassbeck, di “Against the Troika: Crisis and Austerity in the Eurozone”, un programma strategico di sinistra strategico su come i paesi periferici potrebbero uscire dall’euro.

Categories Voci dall'estero