Bloomberg Business, l’agenzia di news nota e diffusa in tutto il mondo,  scarica Renzi: le sue promesse si fondano su previsioni sbagliate,  e benché la BCE continui a sostenerlo tenendo a bada lo spread,  l’economia reale non risponde e con essa non regge più nemmeno il consenso degli elettori.  Nonostante il corrispondente dall’Italia di Bloomberg in questa analisi ricalchi i soliti luoghi comuni sulle mitiche riforme strutturali ,  è questo un segnale che forse si sta avvicinando  la vera  #SvoltaBuona?

di John Follain, 12 agosto 2015

La luna di miele politica è finita da un pezzo per il primo ministro italiano Matteo Renzi, e sarà dura far quadrare le sue ambizioni elettorali con l’economia oberata dal debito.

I timidi segnali di uscita da una lunghissima recessione hanno lasciato molti italiani frustrati, con la disoccupazione giovanile al 44,2 per cento nel mese di giugno. Con una popolarità nei sondaggi al minimo storico, il 40enne Renzi ha promesso, dal 2016 al 2018, tre anni di tagli alle tasse per un valore di 35 miliardi di €, per ridare slancio all’economia.

Ma le previsioni di crescita mettono a rischio quelle promesse. La Banca d’Italia prevede che quest’anno l’economia crescerà solo dello 0,7 per cento, meno di un quarto del 3,1 per cento previsto dalla banca centrale spagnola per quel paese.

“Il finanziamento dei tagli alle tasse è incerto, perché Renzi fa affidamento su un’ulteriore ripresa dell’economia” ha dichiarato Marc Ostwald, strategist della ADM Investor Services International Ltd. di Londra. “Ha messo in movimento delle cose che porteranno frutti in 12-18 mesi.”

Renzi, che è arrivato al potere nel febbraio 2014, ha promesso di ridurre poco a poco il debito pubblico italiano di 2200 miliardi di €, che in proporzione dell’economia è il più alto di qualsiasi paese membro dell’eurozona dopo la Grecia. Egli è protetto, almeno per ora, dalla Banca centrale europea.

Il Programma della BCE

Il suo programma di quantitative easing di acquisti di titoli ha contribuito a mantenere bassi gli oneri finanziari. Dal mese scorso i rendimenti dei titoli italiani a 10 anni sono stati al di sotto del 2 per cento, ben lontano da oltre il 7 per cento toccato nel novembre 2011, quando la crisi del debito della zona euro ha colpito il paese. Alle 10:32 di questo mercoledì a Roma il rendimento a 10 anni era ancora all’ 1.78 per cento.

Il mercato obbligazionario non rispecchia però l’elettorato italiano, sempre più ansioso, con un’economia che sta molto lentamente recuperando il terreno perduto durante la crisi finanziaria.

“E’ difficile abbattere il debito con il solo rigore, è necessaria anche la crescita”

Secondo il sondaggio Ipsos per il Corriere della Sera, nel mese di giugno l’indice di gradimento di Renzi è crollato di quasi la metà, al 36 per cento degli elettori, da un picco del 70 per cento di un anno prima. Da un’altra indagine condotta per il quotidiano La Stampa, risulta che la popolarità di Renzi è scesa al 35 per cento nel mese di luglio, dal 67 per cento registrato dopo le elezioni parlamentari europee del maggio 2014.

I tagli fiscali dovrebbero abolire tutte le tasse sulla prima casa a partire dal 2016, una mossa molto popolare in un paese in cui oltre il 70 per cento della popolazione possiede la casa in cui abita. Nel 2017 seguirebbero i tagli per le imprese, e nel 2018 i tagli all’ imposta sul reddito delle persone fisiche, anno in cui l’Italia deve indire le elezioni.

Obiettivi di bilancio

Secondo Loredana Federico, economista di UniCredit a Milano, il costo stimato dei tagli previsti per il 2017, di circa 15 miliardi di euro, rischia di costringere l’Italia a chiedere alla Commissione europea una maggiore flessibilità sugli obiettivi di bilancio.

“E’ difficile abbattere il rapporto debito Pil solo con il rigore, è necessaria anche la crescita”, ha detto Federico. “I tagli delle tasse renderanno l’Italia più competitiva, ma è necessario che ci siano anche contemporaneamente dei tagli strutturali della spesa pubblica.”

La spending review punta a 10 miliardi di € di risparmi nel 2016. Ma considerata la profondità del declino economico italiano,  Ostwald di ADM Investor Services prevede una “battaglia lunga e difficile” per portare avanti le riforme.

L’ agenzia statistica Istat ha dichiarato mercoledì che le esportazioni italiane sono diminuite dello 0,6 per cento nel mese di giugno rispetto al mese precedente, a causa delle minori vendite nei paesi al di fuori dell’Unione europea.

Secondo dei sondaggi di opinione, compresi quelli condotti dal IPR Marketing Institute, in questi ultimi mesi è calato anche il consenso verso il Partito Democratico di Renzi. Eppure a quanto mostrano i sondaggi, il partito è molto più avanti nei consensi rispetto al Movimento Cinque Stelle e la Lega Nord, i suoi più prossimi rivali.

Dopo mesi di popolarità, che rendeva altamente improbabile un’alternativa a Renzi, la sua cerchia interna sta cominciando a dar segni di preoccupazione per la minaccia anti-establishment rappresentata dai partiti che contestano le regole.

Maria Elena Boschi, ministro per gli affari parlamentari, ha ammonito i dissidenti all’interno del Partito Democratico di Renzi che “coloro che lottano contro le riforme si assumono la responsabilità di consegnare il nostro Paese” ai movimenti populisti di destra.