Incredibile come sia stata totalmente ignorata sulla stampa italiana – sempre avida di scandali di sprechi pubblici – la notizia di questi giorni sugli sprechi europei. Un rapporto stilato dagli stessi parlamentari europei denuncia l’alto livello di spreco, a partire dalle spese di rappresentanza del Presidente Schulz. Non era difficile prevedere che un governo più remoto rispetto agli elettori sarebbe stato più – e non meno – sciupone con le risorse dei contribuenti. Nel frattempo, aumenta l’insofferenza verso queste istituzioni dell’opinione pubblica, compresa quella inglese, che infatti è spaccata riguardo alla permanenza del Regno Unito all’interno dell’UE.

 

Di Matthew Holehouse, 6 ottobre 2015

 

Ecco la risposta di Strasburgo alle “due Jaguar” (possedute da John Prescott, esponente del partito laburista inglese NdVdE).

Martin Schulz, Presidente del Parlamento Europeo, è stato accusato di spreco di denaro pubblico per il suo ufficio privato di 35 persone e due vetture ufficiali.

L’onorevole Schulz, un socialista tedesco, ha un ufficio privato che include un autore di discorsi, due autisti personali, quattro consiglieri degli affari esteri e un usciere personale – un aiutante in frac che lo aiuta a ricevere gli ospiti e lo aggiorna sugli eventi.

I deputati europei hanno detto che il suo staff di 35 persone in tempo di austerity è “altamente discutibile” e “da un cattivo esempio”.

La critica viene da un rapporto sui conti del Parlamento Europeo per il 2013 redatto da deputati, approvato prima delle ferie estive e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea la scorsa settimana.

Esso “si chiede la ragione della disponibilità di due auto di servizio per il Presidente del Parlamento”.

Inoltre sottolinea che la mancanza di controllo della spesa sta erodendo la fiducia del pubblico nell’istituzione, che ha un budget annuo di 1,7 miliardi di euro.

Altri dati mostrano che il Parlamento ha speso 6,9 milioni di euro in trasporti l’anno scorso, incluso il mantenimento di una flotta di auto e persino biciclette per trasportare i deputati e i funzionari nei dintorni di Bruxelles e Strasburgo. Una fonte vicina al sig. Schulz ha detto che il suo ufficio è più piccolo rispetto ai suoi predecessori e le due vetture sono necessarie perché non sarebbe possibile avere un solo autista rispettando le leggi il materia di riposo.

David Campbell-Bannerman, un deputato conservatore, ha detto: “mentre il popolo è costretto a stringere la cinghia, il Presidente vive da nababbo. E’ necessaria una “spending review” per assicurare che il costo dell’UE venga significativamente ridotto.”

Il rapporto riporta un disavanzo di 3,5 milioni di euro nel bilancio del catering ed esprime” profonda preoccupazione” riguardo ai 17,8 milioni di euro spesi per pubblicizzare le elezioni europee del 2014, che hanno registrato un crollo dell’affluenza. Altri 448.000 euro sono stati spesi per il premio Lux – una cerimonia di premiazione per il cinema europeo modellato sugli Oscar.

Ben 5,7 milioni di euro sono stati spesi per viaggi all’estero e delegazioni parlamentari dei deputati europei, incluso un viaggio costato da solo 493.000 euro. Il Comitato ha chiesto una “struttura più economica “.

Il rapporto sottolinea che un quarto degli elettori ha un’ “immagine molto negativa” del Parlamento a causa delle spese. “Quindi sono necessari miglioramenti strutturali, ad esempio piena trasparenza e la contabilizzazione delle indennità delle spese generali, per migliorare la fiducia e il sostegno per il Parlamento.”

Inoltre alza l’allarme su due questioni che hanno perseguitato la politica di Westminster: i secondi lavori e le spese.

La relazione raccomanda la creazione di un database pubblico – simile a quello dei “Commons” inglesi – che mostri tutti i lavori “secondari” dei deputati.

Chiede anche “regole più precise per quanto riguarda la responsabilità delle spese” riguardo il controverso regime di spese dei deputati, che permette di chiedere rimborsi senza ricevute.

Nel frattempo, il fondo pensionistico del Parlamento ha un deficit di 197 milioni di euro, cosa che innesca allarmi di un precoce esaurimento del capitale. “In definitiva è impossibile giudicare se il fondo viene gestito correttamente e in modo efficiente”, dice il rapporto.

Il rapporto chiede inoltre di porre fine alla pratica dei giri turistici di gruppo sovvenzionati direttamente dal Parlamento, che pongono un “alto rischio reputazionale e un grave rischio per la sicurezza”.

(L’articolo si chiude con alcune considerazioni riguardo la situazione del rapporto tra Inghilterra e UE, poco pertinenti la situazione italiana NdVdE).