Bce-1024x671

FT: Prima delle decisioni importanti si tengono incontri tra funzionari UE e banchieri

Il Financial Times ha chiesto alla BCE di rendere pubbliche le agende degli impegni dei più importanti funzionari della BCE, e dai documenti emersi risulta che si tengono regolari incontri privati tra i funzionari BCE e il mondo delle banche e della finanza, proprio in prossimità delle più importanti decisioni sui tassi o sull’acquisto titoli,  incontri dei quali naturalmente non emergono i “dettagli”. Il principio della “indipendenza” della banca centrale si rivela per quello che è,  un falso “tecnicismo”  portato a  pretesto per tagliare i finanziamenti allo Stato.  Come afferma Stiglitz: “Tutte le istituzioni pubbliche rendono conto a qualcuno, e l’unica domanda è: a chi.”  

di Claire Jones, 2 novembre 2015

Secondo quanto rivelato dall’agenda degli impegni, qualche giorno prima delle decisioni politiche più importanti  si sono tenuti degli incontri tra alcuni dei più importanti responsabili della Banca centrale europea e banchieri e gestori di fondi, e in un’occasione anche solo poche ore prima.

Le agende, che coprono le riunioni dei sei membri del comitato esecutivo della BCE tra agosto 2014 e agosto 2015, sono state consegnate al Financial Times in base alle normative UE sulla libertà di informazione e rivelano il coinvolgimento tra settore privato, funzionari e media.

La divulgazione di questi incontri avviene in un momento in cui il controllo sui contatti tra i banchieri centrali e il settore dei servizi finanziari è particolarmente elevato. All’inizio di quest’anno, la BCE stessa ha lanciato un proprio monitoraggio sulla questione, stabilendo dei nuovi principi su come i suoi funzionari dovrebbero interagire con il settore privato.

Questi incontri appaiono in netto contrasto con quanto avviene presso la Banca d’Inghilterra, che vieta ai membri del suo comitato esecutivo di parlare con i media e con “altri centri di interesse esterni” sulle questioni di politica monetaria nella settimana precedente a una decisione politica.

Le agende mostrano che due membri del comitato esecutivo della BCE, Benoît Coeuré e Yves Mersch, hanno incontrato esponenti di UBS il giorno prima dell’incontro politico di due giorni del Consiglio direttivo della BCE sulla fissazione dei tassi, del 3 e 4 settembre 2014.

Coeuré ha incontrato anche BNP Paribas la mattina del 4 settembre, il giorno in cui il consiglio direttivo della BCE ha sorpreso i mercati tagliando i tassi di interesse. Ha inoltre annunciato che avrebbe dato inizio all’acquisto di asset del settore privato per salvare l’economia della zona euro dalla minaccia di deflazione. UBS e BNP Paribas hanno rifiutato di commentare.

Coeuré ha incontrato il gestore del fondo BlackRock il giorno prima di un incontro politico a marzo di quest’anno, quando il consiglio ha svelato i dettagli di come si sarebbe svolto il suo programma di acquisto di titoli da € 1.100 miliardi, o quantitative easing.  BlackRock ha rifiutato di commentare.

Il Vice-presidente della Bce, Vítor Constâncio, e il suo capo economista, Peter Praet, hanno incontrato Algebris, un hedge fund, al culmine della crisi greca di questa estate, quando il consiglio direttivo teneva conferenze quotidiane sulla scelta se continuare ad autorizzare i prestiti di emergenza per mantenere a galla le banche della Grecia. Constâncio e Praet hanno incontrato Algebris il 23 giugno. Praet ha incontrato anche Fortis di BNP Paribas il 22 giugno e il fondo obbligazionario Pimco il 25 giugno. Algebris e Pimco hanno rifiutato di commentare.

Tutti i membri del comitato esecutivo della BCE hanno rifiutato di commentare.

Preoccupazioni sono state sollevate all’inizio di quest’anno sui collegamenti tra banchieri centrali e settore privato dopo un evento presso l’Hotel Berkeley a Londra tenutosi a maggio in cui Coeuré ha detto ad una platea di gestori di hedge fund, accademici e funzionari della finanza che i responsabili politici della zona euro avevano in programma di procedere massicciamente ad acquisti di titoli tra maggio e giugno.

Le osservazioni non sono state rese disponibili al pubblico fino al mattino seguente, a causa di quello che la BCE ha definito “un errore procedurale interno”.

Funzionari della BCE parlano regolarmente con gli operatori del mercato. Come i loro omologhi presso le altre banche centrali, hanno il dovere di spiegare le loro politiche ai mercati, e ritengono che così facendo possono rendere le loro azioni più efficaci. Un portavoce della BCE ha detto che è anche importante per i politici “capire i mercati finanziari, dal momento che è così che la politica monetaria viene trasmessa all’economia reale”.

Venerdì scorso, la banca centrale ha detto che avrebbe cominciato a pubblicare le agende dei membri del comitato esecutivo dopo tre mesi. Coeuré ha anche detto ad agosto che non aveva “assolutamente nulla in contrario” alla pubblicazione dei diari degli incontri con soggetti esterni.

Non vi è alcuna prova che né Coeuré, che è il membro del consiglio esecutivo responsabile dei mercati, né Mersch, né Constâncio né Praet abbiano infranto le regole della BCE e discusso di informazioni di mercato sensibili. Uno degli impegni di Coeuré era una cena informale.

Le regole della BCE impongono un “periodo di silenzio”, che vieta ai decisori di parlare in pubblico la settimana prima di incontri politici in programma. La banca centrale ha inoltre affermato che i funzionari non discutono mai di informazioni di mercato sensibili negli incontri privati.

Il periodo di silenzio si riferisce alle comunicazioni al pubblico prima delle riunioni del Consiglio direttivo sulla politica monetaria. Gli stessi principi di fondo – che vietano di dare segnali sulla futura politica monetaria – sono naturalmente applicati alle riunioni bilaterali. In ogni caso, nessuna informazione di mercato sensibile è data dalla BCE in qualsiasi forum non pubblico “, ha detto un portavoce della BCE.

Sugli incontri che hanno avuto luogo nel periodo della crisi greca, il portavoce ha aggiunto: “Le teleconferenze del Consiglio direttivo erano incontri ad hoc riguardanti la grave situazione che vi era al momento in Grecia. Anche in questo caso, si applica il principio di non divulgare informazioni di mercato sensibili.”

Le regole della BCE sui periodi di silenzio hanno eco in altre giurisdizioni. La Federal Reserve statunitense osserva un periodo di blackout nei sette giorni precedenti ai suoi regolari incontri per la fissazione dei tassi. La correttezza politica richiede ai partecipanti del Federal Open Market Committee di astenersi dall’esprimere opinioni circa gli sviluppi macroeconomici o le questioni di politica monetaria nelle riunioni o conversazioni con il pubblico in quel periodo.

Il codice di condotta della Banca d’Inghilterra per il suo comitato di politica monetaria vieta di parlare ai media o ad “altri centri di interesse esterni” in materia di politica monetaria nella settimana che precede una decisione politica.

Il cosiddetto “purdah” inizia con la riunione pre-MPC (comitato di politica monetaria), che in genere si tiene il mercoledì della settimana prima che venga presa qualsiasi decisione, e termina a mezzanotte del giovedi dell’annuncio delle politiche economiche .

Il codice di condotta stabilisce che una particolare attenzione dovrebbe essere mantenuta nei tre giorni immediatamente precedenti agli annunci del MPC, quando i manovratori dei tassi hanno il divieto di parlare con giornalisti o operatori del mercato.

La BoE non rivela i dettagli degli incontri privati tra i membri del MPC e i partecipanti al mercato o altri estranei.

Mentre la Banca rientra nella competenza della Freedom of Information Act del Regno Unito, alcune funzioni, tra cui la politica monetaria o le operazioni finanziarie destinate a sostenere le istituzioni finanziarie per mantenere la stabilità, sono esplicitamente esentate.

La BCE ha rispettato tutti i termini della richiesta del FT basata sulla libertà di informazione, tranne che per quelle informazioni che, ha affermato, devono essere negate in base alle norme sulla riservatezza.

Categories Fonti