globalizzazione

Perché la globalizzazione ha raggiunto il suo limite

Ecco un ottimo articolo di Zerohedge che riprende un tema a noi caro: i limiti e i vincoli del processo di globalizzazione. Per molti motivi la globalizzazione ha raggiunto il suo massimo, e il suo aumento non si è tradotto nei benefici che ci si attendevano, anzi. La riduzione dei salari locali ad essa associata ha creato un ammanco nella domanda globale, compensato – finché si è potuto – con nuovo debito. Oggi nemmeno il debito basta più, e i nodi arrivano al pettine.

 

Di ZeroHedge, 2 marzo 2016

 

Abbiamo vissuto in un mondo in rapida globalizzazione, ma questa non è una condizione che potrà continuare indefinitivamente.

globalizzazione figura 1

Figura 1. Rapporto di merci e servizi importati al PIL. Su dati FRED per IMPGS.

Ogni volta che le merci e i servizi importati iniziano a salire in percentuale sul PIL, queste importazioni sembrano arrestarsi, generalmente in una fase di recessione. L’aumento del costo delle importazioni sembra avere un impatto negativo sull’economia. (Le importazioni che sto mostrando sono importazioni lorde, non al netto delle esportazioni. Sto usando dati lordi, perché le esportazioni statunitensi tendono ad essere di natura diversa rispetto alle importazioni. Le importazioni degli Stati Uniti includono molti prodotti ad alta intensità di lavoro, mentre le esportazioni tendono ad essere merci agricole o film che non richiedono molto lavoro americano).

Recentemente, le importazioni degli Stati Uniti sembrano essere diminuite. Parte di questo riflette l’impatto dell’aumento della produzione di petrolio degli Stati Uniti, e quindi un calo della necessità di importare petrolio. La figura 2 mostra l’impatto della rimozione delle importazioni di petrolio dagli importi illustrati nella figura 1.

globalizzazione figura 2

Figura 2. Totale delle importazioni di beni e servizi e lo stesso escluse le importazioni di petrolio greggio, in rapporto al PIL. Le importazioni di petrolio greggio sono prese da https://www.census.gov/foreign-trade/statistics/historical/petr.pdf

Se guardiamo dal 2008 ad oggi, c’è stato un chiaro enorme calo nelle importazioni durante la Grande Recessione. A parte quel crollo, le importazioni degli Stati Uniti hanno a mala pena tenuto il passo con la crescita del PIL dal 2008.

Pensiamo alla situazione dal punto di vista delle Nazioni in via di sviluppo, che aspirano ad aumentare la quantità di merci che vendono agli Stati Uniti. Fintanto che le importazioni degli Stati Uniti crescevano rapidamente, la domanda di beni e servizi che questi paesi stavano cercando di vendere era in rapida crescita. Ma una volta che le importazioni statunitensi si sono appiattite in percentuale al PIL, è diventato molto più difficile per le nazioni in via di sviluppo “aumentare” le loro esportazioni verso gli Stati Uniti.

Non ho fatto un’analisi estesa di fuori degli Stati Uniti, ma basandoci sui recenti trend di bassa crescita economica per l’Europa e il Giappone, ci possiamo aspettare che la crescita delle importazioni di queste aree sia pure rallentata. Infatti, i dati dall’organizzazione mondiale del commercio per Giappone, Francia, Italia, Svezia, Spagna e Regno Unito sembrano mostrare un recente rallentamento per le merci importate anche per questi paesi.

Se questa mancanza di crescita della domanda in molti paesi industrializzati dovesse continuare, provocherà un serio rallentamento della crescita delle esportazioni per i paesi in via di sviluppo.

Da dove viene la domanda di importazioni?

Molti dei beni e dei servizi che importiamo hanno un impatto negativo sui salari degli Stati Uniti. Ad esempio, se importiamo abbigliamento, giocattoli e mobili, tali importazioni tolgono direttamente posti di lavoro negli Stati Uniti presso la fabbricazione locale di simili beni. Allo stesso modo, lavori di programmazione e call center delocalizzati in nazioni a basso costo riducono il numero di posti di lavoro disponibili negli Stati Uniti. Quando i prezzi del petrolio USA aumentarono nel 1970, iniziammo l’importazione di vetture compatte dal Giappone. Sostituire le macchine prodotte negli USA con quelle prodotte in Giappone portò ad una ulteriore perdita di posti di lavoro degli Stati Uniti.

Anche se il posto di lavoro non viene perso direttamente, la competizione con le nazioni a bassi salari tende ad abbassare i salari. Nel tempo, i salari USA hanno iniziato a scendere in proporzione al PIL.

globalizzazione figura 3

Figura 3. Rapporto tra salari USA e PIL, dati da US Bureau of Economic Analysis.

Un altro fenomeno che tende a presentarsi è una decisa biforcazione dei salari. In parte questa disparità rappresenta la pressione salariale sugli individui il cui lavoro potrebbe essere facilmente esternalizzato in paesi low cost. Inoltre, i salari dei dirigenti tendono ad aumentare quando le aziende si internazionalizzano. Di conseguenza, gli aumenti del 10% meglio remunerato dei salariati sono in crescita fin dal 1981, mentre i salari del restante 90% sono in ristagno.

globalizzazione figura 4

Figura 4. Grafico dell’economista Emmanuel Saez basato su un’analisi dei dati IRS, pubblicati da Forbes. Il “Real income” è il reddito corretto per l’inflazione.

Se gli stipendi della maggior parte dei lavoratori rimangono fermi, come è possibile permettersi un aumento delle importazioni? Direi che quello che è successo in pratica è un sempre maggiore ricorso al debito. Se gli stipendi dei lavoratori americani fossero aumentati rapidamente, forse questi salari più alti avrebbero permesso ai lavoratori di permettersi una maggiore quantità di merci importate. Ma con gli stipendi fermi, il crescente debito è stato utilizzato come mezzo per permettersi beni o servizi importati.

Fintanto che il dollaro era la valuta di riserva del mondo, l’aumento del debito non aveva un impatto davvero preoccupante sull’economia. Infatti, quando ancora i prezzi del petrolio erano più alti degli attuali, il riciclo di petroldollari aveva permesso di mantenere alta la richiesta di bond USA, e gli USA prendevano a prestito sempre più soldi per comprare petrolio e altre merci. Questo processo ha permesso di mantenere basso il costo di finanziamento degli USA.

globalizzazione figura 5

Figura 5. L’incremento del debito e delle importazioni USA in percentuale al PIL. Entrambi da dati FRED: TSMDO and IMPGS.

Il problema, tuttavia, è che a un certo punto che diventa impossibile aumentare ulteriormente il livello del debito. Il rapporto tra debito e PIL diventa ingestibile. I consumatori, poichè i loro salari sono tenuti bassi dalla concorrenza con i salari di tutto il mondo, non possono permettersi di continuare ad aumentare il debito. Le aziende si accorgono che la lenta crescita dei salari negli Stati Uniti reprime domanda. A causa di questa lenta crescita della domanda, le imprese non hanno nemmeno bisogno di molto nuovo debito per espandere le loro imprese.

I prezzi delle materie prime sono molto sensibili alla mancanza di domanda

Le materie prime, per loro natura, sono cose di cui facciamo largo uso. Solitamente è difficile accumulare un grande quantitativo di materie prime. Di conseguenza, è facile che la domanda e l’offerta non siano in equilibrio. Per questo motivo, i prezzi oscillano molto.

La domanda misura in realtà quanto un bene può essere comprato dalla gente. Se gli stipendi ristagnano, allora un aumento del debito (per esempio, per comprare una nuova casa o una macchina nuova) può sostituirsi a un salario più abbondante. Sfortunatamente tali aumenti di debiti non stanno accadendo di recente. Abbiamo visto nella figura 5 sopra, che la recente crescita del debito negli Stati Uniti si è arrestata. Se molti paesi si trovano con salari che aumentando lentamente, e il debito non aumenta molto, allora è facile che la domanda di materie prime scenda al di sotto dell’offerta. In tal caso, i prezzi delle materie prime tenderanno a calare sotto il costo di produzione – esattamente il problema che il mondo ha sperimentato recentemente. Il problema è iniziato già nel 2012, ma è stata particolarmente grave lo scorso anno.

Il modo in cui i governi dei diversi paesi hanno cercato di risolvere la crescita economica stagnante è attraverso un programma chiamato Quantitative Easing (QE). Questo programma produce tassi di interesse molto bassi. Purtroppo, QE non funziona davvero come previsto per le materie prime. Il QE tende ad aumentare l’offerta di materie prime, ma non aumenta la domanda di materie prime.

La ragione per cui il QE aumenta l’offerta di materie prime è perché gli investitori affamati di alti rendimenti sono disposti a versare ingenti capitali nei progetti, nella speranza che i prezzi delle materie prime saliranno abbastanza da rendere gli investimenti redditizi – in altre parole, che gli investimenti in azioni saranno redditizi e anche che i debiti potranno essere ripagati con gli interessi. Un esempio importante di questa spinta verso la produzione iniziata dopo che è iniziato il QE nel 2008 è la rapida crescita nella produzione americana di petrolio, grazie in gran parte all’estrazione dello shale gas.

globalizzazione figura 6

Figura 6. Produzione USA di petrolio e altri liquidi, dati EIA. I dati disponibile arrivano a novembre, ma i totali mostrati sono stimati per l’intero anno.

Come abbiamo visto nella figura 5, i tassi di interesse ultra-bassi non hanno avuto successo nell’ incoraggiare nuovo debito in generale. Questi tassi bassi, inoltre, non hanno avuto successo nell’aumento delle spese americane in conto capitale (Figura 7). Infatti, nonostante tutti i recenti investimenti nello shale, gli investimenti di capitale rimangono inferiori rispetto a quello che ci aspetteremmo in base ai trend di investimento passati.

globalizzazione figura 7

Figure 7. Investimenti fissi USA (Fabbriche, Apparecchiature, Scuole, Strade) esclusi beni al consumo durevoli come rapporto al PIL, dati del US Bureau of Economic Analysis.

Al contrario, i bassi salari che derivano dalla globalizzazione, senza enormi aumenti del debito, rendono difficile mantenere i prezzi delle materie prime abbastanza alti. I lavoratori, con bassi salari, tardano a metter su famiglia, quindi non hanno bisogno di una casa o un appartamento proprio. Potrebbero anche essere in grado di dividere un veicolo con altri membri della famiglia. A causa dello squilibrio tra domanda e offerta, sono in calo i prezzi di molte merci. I prezzi del petrolio, mostrati in figura 8, sono scesi, ma anche i prezzi di carbone, gas naturale sono scesi. L’offerta mondiale di petrolio è in leggera crescita, ma non di un importo che sarebbe stato difficile assorbire nel 1960 e 1970, quando i prezzi erano molto più bassi.

globalizzazione figura 8

Figura 8. Produzione mondiale e prezzo del petrolio. La produzione si basa su dati BP, più le stime dell’autore per il 2016. I prezzi storici del petrolio sono calolati basati su un tasso di inflazione più alto del solito, assumendo che la stima di Shadowstats dell’inflazione sia corretta.

I paesi in via di sviluppo sono spesso esportatori di materie prime

I paesi in via di sviluppo possono essere notevolmente penalizzati se i prezzi delle materie prime sono bassi, perché sono spesso esportatori di materie prime. Un problema è ovviamente la riduzione dei salari, se si rende necessario ridurre la produzione di merci. Un secondo problema riguarda il gettito fiscale che generano queste esportazioni. Senza queste entrate, è spesso necessario tagliare i finanziamenti per i programmi come la costruzione di strade e scuole. Questo porta alla perdita di altri posti di lavoro nell’economia. La combinazione della diminuzione dei salari e del gettiti fiscale può rendere difficile rimborsare i prestiti.

Ovviamente, se persistono bassi prezzi delle materie prime, questo è un altro limite della globalizzazione.

Conclusione

Abbiamo identificato due diversi limiti alla globalizzazione. Uno ha a che fare con i limiti sulla quantità di beni e servizi che i paesi sviluppati possono assorbire prima che tali importazioni disturbino indebitamente le economie locali, o per la perdita di posti di lavoro, o mediante necessità di ulteriore debito che le economie sviluppate non possono gestire. L’altro si verifica a causa della sensibilità che hanno molti paesi in via di sviluppo rispetto al calo dei prezzi delle materie prime, perché sono esportatori di queste materie prime.

Naturalmente, ci sono anche altri problemi. La Cina ha scoperto che se il suo carbone viene bruciato in grandi quantità, è molto inquinante e quindi problematico. La Cina ha iniziato a ridurre il consumo di carbone, in parte a causa di problemi di inquinamento.

globalizzazione figura 9

Figura 9. Consumi di energia cinesi divisi per fonte, su dati del BP Statistical Review of World Energy 2015.

Ci sono molti altri fattori limitanti. L’acqua dolce è un grosso problema in gran parte dei paesi in via di sviluppo. Aggiungere nuove persone e più industria peggiora la situazione.

Uno dei problemi della globalizzazione è la tendenza a lungo termine a spostare la produzione manifatturiera in paesi con standard sempre più bassi sotto molti punti di vista: mai- controlli sempre minori riguardo l’inquinamento, norme di sicurezza sempre minori per i lavoratori e salari e benefici sempre più bassi per i lavoratori. Ciò significa che il mondo diventa un luogo sempre peggiore per vivere e lavorare, e i lavoratori in questo sistema diventano sempre meno in grado di comprarsi la produzione del sistema. La mancanza di acquirenti per l’output del sistema rende sempre più difficile mantenere i prezzi delle materie prime abbastanza alte per sostenere la loro produzione continua.

La logica conseguenza estrema, anche al di là della globalizzazione, è che l’automazione e i robot eseguiranno quasi tutta la produzione. Naturalmente, se ciò dovesse accadere, non ci sarà nessuno a comprare la produzione del sistema. Non sarà un problema?

Salari adeguati sono critici perché il sistema possa funzionare. Mentre il sistema tendeva sempre di più alla globalizzazione, i politici hanno iniziato a preoccuparsi sempre di più sulle esigenze delle imprese e dei governi, e sempre meno di quelle dei lavoratori. A un certo punto, la mancanza di domanda per l’offerta complessiva del sistema tenderà a far collassare l’intero sistema.

Perciò, a un certo punto, la tendenza verso la globalizzazione e l’automazione dovrà fermarsi. Abbiamo bisogno di acquirenti per l’offerta dal sistema, e questo è esattamente l’opposto della direzione in cui il sistema sta andando. Se non si trova un modo per ripararlo, collasserà. Come minimo, la tendenza verso un aumento delle importazioni si concluderà – se non è già avvenuto.

Categories Autori Fonti Nazioni