Zero Hedge: In Francia un cambiamento enorme, finito il sistema a due partiti.

Mentre i dati del Ministero dell’Interno francese si susseguono (mostrando in questo momento una leggera tendenza all’aumento del gap tra Macron in testa e Le Pen che segue),  Zero Hedge sottolinea un dato che comunque appare ormai incontrovertibile: per la prima volta i tradizionali partiti dell’establishment, che hanno condotto il paese nelle secche della gravissima crisi economica e sociale dell’eurozona, scompaiono dalle presidenziali. Sicuramente  le indicazioni di voto per il secondo turno convergeranno tutte su Macron, il candidato di “En Marche!”,  il nuovo movimento sotto il quale si nascondono i soliti  gruppi di interesse eurofili, ma resta da vedere se il popolo francese deciderà di seguirle. 

 

 

Zero Hedge, 24 Aprile 2017

Con gli eventi in Francia che si sviluppano freneticamente, e con Le Pen che conduce (per ora), secondo i dati ufficiali del Ministero francese, o segue al secondo posto, secondo gli exit poll, Fraser King di Citi si domanda: “Siamo alla  fine del sistema a due partiti in Francia?”:

Se i risultati confermeranno i sondaggi, con Le Pen e Macron al secondo turno, sarà la prima volta nella storia della “quinta” Repubblica  che nessuno dei due maggiori partiti della Francia sarà presente, segnando un cambiamento enorme nel paesaggio politico francese.

Il nuovo partito ‘En Marche!’ di Emmanuel Macron correrà contro il Front National di Marine Le Pen. Nel 2002, gli elettori francesi si sono uniti dietro a Jacques Chirac in un “Front Republicain” per scongiurare la vittoria del FN di destra estrema. Lo stesso accadrà con Macron?

Tutto questo potrà avere ripercussioni sulla politica francese, in particolare per quanto riguarda i rapporti con l’organo legislativo (Assemblea Generale e Senato). Quando un Presidente in carica non controlla il legislativo, si parla di “coabitazione” (fatto comune in altri paesi, come la Germania, ma non verificatosi in Francia dal 2002).

Categories Voci dall'estero