La crisi dei migranti investe soprattutto i paesi lungo le frontiere esterne dell’Unione Europea, che fungono da punto di accesso per essa: Italia, Grecia, Romania, Bulgaria e Cipro – l’Italia da sola nel 2017 ha intercettato l’80% degli oltre 100 mila arrivi. Niente affatto sorprendentemente, questi sono gli stessi paesi membri UE in cui il numero di eventi collegati a schiavitù e traffico di esseri umani è aumentato vertiginosamente nell’ultimo anno. Ma la crescita di questi fenomeni ha interessato quasi tutti gli altri paesi membri, in quella che sembra una risposta molto fosca alla domanda: cosa facciamo di tutti questi immigrati? Da KeepTalkingGreece.

 

10/08/2017

 

L’Unione Europea nel 2017 ha registrato il maggior aumento al mondo della schiavitù, con l’arrivo di più di 100.000 migranti, molti dei quali estremamente vulnerabili allo sfruttamento, hanno affermato gli analisti giovedì. Grecia, Italia, Cipro, Romania e Bulgaria sono i paesi con il maggior lavoro schiavile dentro la UE.

 

Il rischio di lavoro schiavile nell’agricoltura, nelle costruzioni e in altri settori è aumentato in tutta la regione, con 20 dei 28 Stati membri dell’UE che hanno avuto un peggioramento rispetto al 2016 in un indice globale di schiavitù a cura della società di analisi britannica Verisk Maplecroft.

 

“La crisi dei migranti ha aumentato il rischio che episodi di schiavitù appaiano nelle catene di approvvigionamento di tutta Europa”, ha dichiarato Sam Haynes, analista esperto di diritti umani di Verisk Maplecroft.

 

Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), globalmente ci sono 21 milioni di persone a lavoro forzato, compresi i bambini, in un business di 150 miliardi di dollari all’anno.

 

Rischio di schiavitù moderna nei paesi membri UE. In arancione i paesi dove il rischio è aumentato e in rosso i 5 paesi che hanno performato peggio sulla schiavitù. Romania: la situazione della schiavitù in Romania è ritenuta peggiorare più velocemente rispetto a tutti gli altri paesi del mondo, dato che il paese in un anno ha perso 56 posizioni portandosi al 66° posto tra i paesi più a rischio.

 

L’indice, che ha valutato gli episodi di traffico di esseri umani o di schiavitù, nonché le leggi e l’applicazione delle leggi in 198 paesi, ha classificato la Romania, la Grecia, l’Italia, Cipro e la Bulgaria come i paesi con il maggior lavoro schiavile all’interno dell’UE.

 

Sono tutti paesi che fungono da punti chiave di accesso alla regione per i migranti, ha detto Verisk Maplecroft.

 

Secondo l’Organizzazione Internazionale per la Migrazione (IOM), finora nel 2017 circa 115.000 migranti e rifugiati hanno raggiunto l’Europa via mare, con oltre l’80% che arriva in Italia.

 

Molti acconsentono a pagare grandi quantità di denaro per il viaggio e finiscono per lavorare praticamente in modo gratutio, intrappolati dai debiti dovuti agli agenti che li hanno portati attraverso il confine, ha dichiarato Alexandra Channer, analista di diritti umani di Verisk Maplecroft.

 

Molti migranti illegali che entrano nell’UE sono così indebitati verso qualche banda di trafficanti di esseri umani o verso agenti senza scrupoli che non hanno speranza di ripagare quel costo“, ha detto alla Fondazione Thomson Reuters.

 

I primi 10 paesi con più alto rischio di schiavitù moderna.

 

Le autorità locali stanno lottando per gestire efficacemente la questione della schiavitù a causa del gran numero di arrivi, ha aggiunto.

 

Globalmente, la Corea del Nord ha mantenuto il primo posto avendo il peggior record di lavoro schiavile, mentre, al di fuori dell’UE, la Turchia è quella che ha perso più terreno in classifica, scivolando nella categoria “ad alto rischio”.

 

L’India è quella che è migliorata maggiormente, saltando dal 15° al 49° posto, mentre anche la Thailandia ha ottenuto notevoli risultati nella lotta alla schiavitù, passando dal 21° al 48° posto.

 

Tuttavia entrambi i paesi sono rimasti classificati a “rischio estremo” con gravi abusi segnalati nelle costruzioni, nelle fornaci di mattoni, nella produzione di indumenti, nella manifattura, nella produzione agricola, nella pesca e nella produzione di gomma, secondo l’analisi.

 

Channer ha dichiarato che l’indice mira ad aiutare le aziende a individuare i paesi più a rischio di lavoro schiavile.