Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un video in cui Angela Merkel, sotto l’influsso di un magico siero della verità, rivela cifre drammatiche sul crollo dell’economia nella Germania dell’Est dopo la riunificazione e sul brusco calo demografico conseguente, comparabile solo a quello legato alla Prima guerra mondiale. Sono i fatti esposti in Anschluss di Vladimiro Giacché. Chi li conosce non sarà stupito quindi da queste statistiche, riportate da ZeroHedge: in Germania la popolazione aumenta, soprattutto per gli ingressi record di immigrati del 2015, ma nell’ex Germania dell’Est diminuisce. La spaccatura tra le due Germanie non si è mai saldata (e sperano di unire l’Europa).

 

 

Secondo le previsioni  dell‘ Institut der deutschen Wirtschaft Köln,  la popolazione in Germania  è destinata a crescere, raggiungendo gli  83,1 milioni entro il 2035 .

Come osserva Martin Armstrong, di Statista, il principale motivo è il numero record di immigrati e richiedenti asilo che sono arrivati nel paese nel 2015.

 

(Altre statistiche su Statista)

Mentre la tendenza generale è all’aumento della popolazione, sette dei sedici stati federali del paese vedranno una diminuzione netta – soprattutto nell’ex Repubblica democratica tedesca (ovvero ex Germania dell’Est) .

La maggiore diminuzione è attesa nello stato della Sassonia-Anhalt, dove si prevede una caduta del 10,6%.