Nella Germania “felix”, la crisi dei migranti del 2015 si è combinata con la stagnazione salariale e il boom immobiliare a generare uno sconcertante aumento dei senzatetto, cresciuti nel 2016 del 33% fino a interessare 52mila persone, e di chi deve appoggiarsi alla carità di familiari e amici per poter continuare a vivere in una casa, in aumento del 26% e arrivati a 400mila persone. L’ennesimo esempio che la disfunzionalità dell’eurozona e delle politiche neoliberali e imperialistiche colpisce duramente anche i ceti più deboli del paese egemone. Via Zero Hedge.

 

 

 

di Tyler Durden, 15 novembre 2017

 

Secondo una recente stima pubblicata dall’Associazione federale per l’assistenza ai senzatetto, il numero di senzatetto che vivono sulle strade della Germania è aumentato del 33% nel giro di un paio d’anni, fino a contare 52.000 persone. Nel frattempo, come osserva The Local, è aumentato anche di uno sconcertante 26% il numero di tedeschi che non possono permettersi una casa propria e sono stati costretti a fare affidamento sulla generosità dei familiari e degli amici per un posto dove dormire ogni notte; adesso sono più di 400 mila persone.

 

Si stima che nel 2016 le persone che vivono per strada in Germania fossero 52.000, in aumento di un terzo rispetto ai 39.000 senzatetto del 2014.

Il rapporto afferma inoltre che in Germania il numero complessivo di persone che non ha una casa propria è aumentato drasticamente, passando dai 335.000 nel 2014 ai 422.000 dell’anno scorso.

La maggior parte delle persone che non hanno una casa propria vive in un alloggio collettivo o deve fare affidamento sulla carità di partner o familiari.”

 

Naturalmente, i funzionari tedeschi hanno offerto una vasta gamma di possibili spiegazioni per l’esplosione della crisi dei senzatetto; Thomas Specht, capo dell’Associazione federale per l’assistenza ai senzatetto, incolpa la limitata offerta di alloggi, l’aumento degli affitti e i salari stagnanti.

 

I numeri sui senzatetto presentati oggi sono scioccanti,  ha detto Ulrike Mascher, presidente dell’associazione sociale VdK.

” ‘Dal nostro punto di vista, questo dimostra che sempre più persone non sono in grado di pagare il proprio affitto a causa dei bassi salari e dell’eccessivo indebitamento’.

Thomas Specht, capo dell’Associazione federale per l’assistenza ai senzatetto, ha affermato che gli aumenti degli affitti sono solo una delle cause di questo corso negativo.

Ha sottolineato che dal 1990 il numero di appartamenti gestiti dai comuni è diminuito del 60%, arrivando a 1,2 milioni, perché le municipalità hanno venduto molte proprietà a investitori privati.

‘Le autorità hanno perso il controllo delle disponibilità di alloggi a prezzi accessibili’, ha affermato.”

 

 

Questo detto, altri hanno puntato il dito sulla politica delle “porte aperte” di Angela Merkel che nel 2015 ha fatto entrare nel paese quasi un milione di rifugiati dalla Siria, dalla Libia, dall’Afghanistan e da altre zone di guerra, un aumento di cinque volte rispetto all’anno precedente.

 

Un numero crescente di persone che vivono sulle strade tedesche sono immigrati dall’Europa orientale. Specht ha tuttavia affermato che, sebbene l’immigrazione abbia esercitato pressione sulle strutture per i senzatetto, non è stata affatto l’unico fattore.

Karin Kühn, presidente di BAG Help for the Homeless, ha chiesto un’azione immediata da parte del governo.

 

La principale rotta di immigrazione verso la Germania. In legenda, dall’alto in basso: frontiere chiuse; recinzioni in costruzione; strade transfrontaliere chiuse; controlli alla frontiera; sezione del fiume Drava

 

Certamente, l’afflusso di immigrati è diventato un argomento politico scottante nelle recenti elezioni, dopo che i rifugiati appena accolti in Germania hanno ripagato la Merkel per la sua “apertura” commettendo 142.500 crimini durante i primi sei mesi del 2016, tra cui diverse gravi aggressioni sessuali.

 

Sfortunatamente, mentre la reazione pubblica alla fine ha convinto la Merkel che la Germania non poteva farsi carico di tutti i problemi del mondo, portando di conseguenza alla decisione di limitare a 200.000 all’anno i futuri flussi di rifugiati (cosa di cui abbiamo discusso qui: Le porte aperte della Germania si stanno chiudendo: Merkel cerca nuovi limiti ai rifugiati) …

 

L’unione ha accettato di limitare a 200.000 all’anno il numero di persone che possono entrare in Germania per motivi umanitari. I conservatori allo stesso tempo hanno garantito che queste persone non sarebbero state respinte al confine tedesco, esprimendo il loro sostegno al diritto di chiedere asilo in Germania e alla convenzione sui rifugiati di Ginevra, secondo cui i paesi dovrebbero dare protezione a coloro che fuggono dalla guerra e dalla deportazione, e a coloro che sono perseguitati politicamente.

Continuiamo i nostri sforzi per ridurre permanentemente il numero di persone in fuga verso la Germania e l’Europa, per evitare il ripetersi della situazione del 2015′, quando la Germania accolse 890.000 richiedenti asilo, ha detto la Merkel lunedì, presentando l’accordo ai giornalisti.

La Merkel ha detto che le parti hanno concordato misure che garantiranno che il numero totale di ammissioni non superi le 200.000 persone all’anno. Queste misure includono l’occuparsi dei nuovi arrivati ​​che chiedono asilo in Germania in complessi centralizzati dove le loro richieste saranno discusse rapidamente. I richiedenti asilo respinti saranno poi deportati velocemente nei loro paesi d’origine. Con questa mossa, le parti sperano di accelerare le procedure di asilo e aumentare il numero di espulsioni.

Il limite di 200.000 migranti ogni anno potrebbe essere modificato dal Parlamento tedesco se una crisi internazionale lo giustificasse, riporta l’accordo.”

 

 

La stupefacente capitolazione segue l’imbarazzante risultato della Democrazia Cristiana della Merkel nelle elezioni federali di settembre. Anche se il partito ha nuovamente ottenuto la maggioranza dei voti, il suo consenso è diminuito di oltre l’8% rispetto alle elezioni precedenti, in quello che risulta essere il peggior risultato di sempre della Merkel. Nel frattempo, il partito di destra Alternativa per la Germania (AfD) ha ottenuto un risultato senza precedenti del 13%, abbastanza da conquistarsi un rappresentante in parlamento – la prima volta che un partito di estrema destra entra nel parlamento tedesco dalla seconda guerra mondiale.

 

… L’illuminazione della Merkel a quanto pare non è arrivata abbastanza velocemente da evitare quella crisi abitativa che ora sta mettendo sulla strada un numero record di cittadini tedeschi.