Riprendiamo dall’ottimo Vocidallagermania la seconda parte dell’importante contributo di Hans Werner Sinn, pubblicato sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung, in cui il noto economista tedesco, ora in pensione, commenta in maniera molto realistica l’ultimo atto della crisi dell’eurozona: la  “tragedia italiana”. Gli scenari che si potrebbero aprire sono quattro, nessuno dei quali può essere considerato come una facile soluzione a questo dramma (ottimamente rappresentato in sintesi nel grafico di copertina, riportato nella prima parte dell’articolo di Werner Sinn). E tuttavia lo scenario dell’Italexit è visto come un percorso che, pur nelle difficoltà,  porterebbe dei vantaggi al nostro paese. Certo, tutti quei partiti e mezzi di comunicazione di massa che in Italia e non solo hanno continuato a sostenere oltre ogni ragionevole logica l’adesione all’euro dovrebbero ammettere i propri errori. Un ostacolo politico di non poco conto.  (qui su Vocidallagermania la prima parte)

 

 

di Hans Werner Sinn, 19 novembre 2018 

 

Ci sono solo quattro opzioni per contrastare l’eccessivo aumento dei prezzi in Italia. La prima strada è quella di avviare di nascosto un’unione di trasferimento. In primo luogo si mettono in comune i debiti che poi vengono garantiti congiuntamente. Poi i creditori privati ​​vengono sostituiti da quelli pubblici, e il debito allungato ed eroso dalla riduzione degli interessi. Alla fine i contribuenti degli altri paesi dell’eurozona danno dei soldi ai debitori affinché questi possano ripagare i loro debiti verso gli investitori finanziari, possano continuare ad acquistare i beni dalle imprese esportatrici e, non da ultimo, per impedirgli di lasciare l’euro.

 

Ciò renderebbe l’Italia intera ciò che già oggi è il Mezzogiorno italiano: un percettore di trasferimenti dal nord, troppo caro, che non diventerà mai competitivo e che dovrà essere costantemente finanziato dall’esterno. I trasferimenti sarebbero sostanzialmente delle tangenti pagate ai gruppi politici per dare loro qualche altro anno di tranquillità. In realtà l’Europa non può permetterselo perché in una competizione globale sempre più difficile dovrà impegnarsi per diventare economicamente sempre più forte, e non più debole. Nella realtà questo percorso è già stato avviato da molto tempo. E il governo francese infatti insiste affinché si proceda creando un’assicurazione comune sui depositi bancari, un’assicurazione congiunta contro la disoccupazione e un bilancio della zona euro. Si parla sempre di presunti “shock asimmetrici” esogeni da cui bisogna proteggersi – come se la crisi nel Sud Europa avesse a che fare con degli eventi casuali, ingestibili e transitori.

 

La seconda opzione consiste in una riduzione dei prezzi per correggere l’eccesso di inflazione dei primi anni dell’euro. Ciò implica dei tagli ai salari oppure degli incrementi di produttività senza la partecipazione dei dipendenti. E’ una forma di chemioterapia per l’economia che potrebbe spingere il paziente verso la disperazione. Affittuari e debitori andrebbero in bancarotta perché i loro obblighi di pagamento resterebbero invariati, mentre i salari diminuiscono. Questa modalità inoltre, non solo richiede un miracolo in termini di produttività, ma anche una visione che i sindacati italiani non hanno ancora mostrato di avere. Durante l’eurocrisi la Grecia è diventata piu’ economica rispetto ai suoi concorrenti del 12% e la Spagna dell’8%, l’Italia invece non ha fatto nulla. Dal 2007 il livello dei prezzi dei beni auto-prodotti è cresciuto alla stessa velocità di quello dei suoi concorrenti nell’area dell’euro.

 

La terza opzione possibile consiste in una lunga fase inflattiva nei paesi dell’Europa settentrionale, in particolare in Germania. L’apprezzamento italiano nei confronti della Germania rispetto al 1995 è stato del 39%. Per compensarlo la Germania dovrebbe avere per 16 anni un’inflazione del 2 % piu’ alta di quella italiana. Per gli italiani sarebbe insopportabile, mentre i risparmiatori tedeschi salirebbero sulle barricate.

 

La quarta via consiste in un’uscita temporanea dell’Italia dall’euro secondo il piano dell’estate 2015, pensato da Wolfgang Schäuble per la Grecia, e all’epoca approvato informalmente dai 15 ministri delle finanze dell’Ecofin. Il problema sarebbe la probabile fuga dei risparmi che l’Italia dovrebbe affrontare con dei controlli sui movimenti di capitale, almeno fino a quando l’uscita non sarà completata. Dal punto di vista italiano questo percorso avrebbe alcuni vantaggi. L’economia grazie alla svalutazione tornerebbe a crescere molto rapidamente mentre i rapporti di credito interni tornerebbero in equilibrio, in quanto sarebbero convertiti in lire e svalutati, e anche una parte del debito estero potrebbe essere convertito e svalutato. Le banche francesi tuttavia verrebbero colpite duramente, dato che sono esposte verso l’Italia circa tre volte e mezzo in più rispetto a quelle tedesche. Dal punto di vista politico questo passo per i principali politici europei equivarrebbe ad ammettere il loro fallimento. E il mercato dei capitali si verrebbe a trovare in una situazione di notevole turbolenza.

 

Ovviamente nessuna di queste strade offre una facile soluzione per i problemi italiani; la prima meno di tutte le altre, che invece molto probabilmente sarà quella scelta sotto l’influenza delle lobby della finanza e dell’export. L’Eurozona è finita in un vicolo cieco. Il nuovo governo italiano lo sa molto bene. Esclude categoricamente il secondo percorso (riduzione dei prezzi), e realisticamente nel prossimo futuro non può aspettarsi alcun successo dal terzo percorso (inflazione del Nord). Si concentra pertanto sulla prima opzione (unione di trasferimento) e si tiene la quarta via, l’uscita temporanea dall’euro, in maniera piu’ o meno chiara, come una potenziale minaccia da agitare.

 

ll portavoce della Lega, l’economista finanziario Claudio Borghi, ha dichiarato che il suo partito vorrebbe introdurre una moneta parallela per risolvere i problemi finanziari italiani, i cosiddetti mini-bot. Secondo le sue parole si tratterebbe di titoli di stato di piccole dimensioni, trasferibili, denominati in euro e destinati a circolare come moneta cartacea. Dato che con i mini-bot si potranno pagare le tasse per un importo pari a quello stampato sul titolo, probabilmente sarebbero scambiati solo con un piccolo sconto rispetto agli euro reali. L’Italia spera così di poter estinguere una parte del suo debito nazionale ricorrendo ai mini-bot.

 

Paolo Savona, il ministro per l’Europa del nuovo governo, si spinge oltre. Nel 2015 aveva già formulato fin nel dettaglio una exit-strategy sotto forma di uscita dalla moneta unica. Il piano di Savona, tuttavia, non sapeva come risolvere il problema della stampa delle banconote fisiche senza che il mercato dei capitali se ne accorgesse.

 

I mini-bot risolverebbero questo problema. Dal momento che verrebbero introdotti prima dell’uscita, sarebbero già a disposizione se improvvisamente in un fine settimana si dovesse perfezionare la conversione valutaria. Tutti i conti bancari, tutti i contratti di lavoro, quelli di affitto e tutti i contratti interni di credito verrebbero mantenuti, solo che il simbolo dell’euro sarebbe sostituito con il segno della lira. Savona vorrebbe trasformare in lire anche il debito pubblico emesso prima del 2012. Si tratta ancora dei tre quarti di tutti i titoli in circolazione. Ci sarebbero quindi altri tagli al debito in modo da ridurre ulteriormente il peso del debito pubblico. I debiti Target di Banca d’Italia nei confronti dell’Eurosistema verrebbero annullati. Potrebbe anche funzionare visto che dopo l’uscita dall’euro non esiste una base legale per il loro rimborso e anche perché molti politici tedeschi di spicco li hanno definiti come degli “irrilevanti saldi di compensazione”. Naturalmente tutto dovrebbe essere tenuto segreto fino all’ultimo secondo al fine di evitare una fuga di capitali.

 

L’Europa dovrà dare all’Italia ancora molto denaro per scongiurare che tutto ciò accada.In ogni caso, che abbia inizio il prossimo atto della tragedia italiana.