Non si parla più molto della Grecia, dove è in corso un imponente programma di privatizzazioni. Intervenendo al Forum di Capital Link “Invest in Greece” di New York il ministro dello Sviluppo e degli Investimenti Adonis Georgiadis ha esposto l’intenzione del Governo di procedere sempre più ampiamente e velocemente con le privatizzazioni, rendendo così il Paese “una zona calda per gli investitori”, una sorta di nuovo paradiso per gli investimenti esteri. E mentre un membro del Governo così blandiva gli investitori stranieri, ad Atene i membri del sindacato dei medici ospedalieri greci, che protestavano contro la privatizzazione della sanità pubblica, sono stati bersagliati con gas lacrimogeni dalla Polizia in assetto antisommossa. Da Keep Talking Greece, riportiamo uno dopo l’altro due post sui due argomenti. 

 

 

 

di Keep Talking Greece, 11 novembre 2019

 

La polizia antisommossa spara gas lacrimogeni contro i medici ospedalieri che protestano contro la privatizzazione della sanità

 

Mercoledì la polizia antisommossa greca ha sparato gas lacrimogeni contro i medici ospedalieri nel centro di Atene. Durante gli scontri tra manifestanti e polizia, una persona anziana ha avuto un malore.

 

Gli scontri sono iniziati quando i membri del sindacato Associazione ellenica dei medici ospedalieri (OENGE) hanno tentato di entrare nella sala di Aigli Zappeion dove la Panhellenic Medical Association (PIS) ospitava un evento sulla pianificazione delle collaborazioni tra il settore privato e quello della sanità pubblica.

Alla fine, i manifestanti sono riusciti a entrare nella sala e interrompere l’incontro, portando così alla sua sospensione.

L’OENGE aveva in precedenza lanciato un’interruzione del lavoro dalle 9:00 alle 15:00.

 

Il sindacato dei medici degli ospedali pubblici accusa la leadership dell’Associazione medica di essere “in prima linea nella promozione dei piani del governo per la piena sottomissione della sanità pubblica” alle partnership tra i settori della sanità pubblica e privata e “della consegna della sanità pubblica ai grandi interessi privati.”

 

Il sindacato ha citato come “casus belli” la possibilità che “i medici privati ​​lavorino negli ospedali pubblici, che la gestione delle attrezzature tecnico-mediche sia affidata a società private e che lo status degli ospedali pubblici sia trasformato in quello di aziende private.”

 

Come precedente, hanno citato le trasformazioni del servizio sanitario nazionale britannico degli ultimi anni.

 

 

Il ministro dello Sviluppo e degli investimenti greco Adonis Georgiadis

 

Il ministro degli Investimenti: “Privatizziamo tutto” e la Grecia diventa una “zona calda” per gli investitori

 

Il ministro dello Sviluppo e degli Investimenti, Adonis Georgiadis, ha ammesso pubblicamente che il governo di “Nuova Democrazia” in Grecia intende privatizzare tutto. Parlando al 21° Forum annuale di Capital Link sugli Investimenti in Grecia, il Ministro non ha lasciato spazio a interpretazioni errate. Ha assicurato al pubblico, gli investitori statunitensi, che l’unico obiettivo del governo è quello di privatizzare tutto.

 

“L’unica domanda che ci giunge dai nostri elettori è perché non lo facciamo più velocemente, perché siamo così in ritardo, perché non stiamo vendendo di più, perché non stiamo privatizzando tutto…”, ha detto.

 

“E devo rassicurarvi che il nostro appetito è così grande, che ogni mese che passa aumenta”, ha aggiunto.

Georgiadis, che è stato uno dei relatori principali del Forum “Invest in Greece” di New York, ha spiegato la sua visione e la politica del governo sul concetto di massimo sviluppo liberale.

 

“Noi privatizziamo, voi investite”, ha detto e ha parlato “dell’inizio di una nuova era per la Grecia”. Ha sottolineato che ora è il momento giusto per investire in Grecia e ha invitato gli investitori statunitensi a sbrigarsi a recuperare il ritardo, approfittando dell’impulso alla crescita e delle opportunità derivanti dalla nuova politica di investimento del Paese.

 

“Quindi il mio messaggio per gli investitori americani è questo: ora è il momento di investire in Grecia. Per chi non ha smesso di investire nel nostro Paese, anche nel mezzo della nostra peggiore crisi economica, ora è tempo di raccogliere i frutti. E per quelli che non hanno investito, ora è il momento di approfittare delle opportunità uniche che si presentano nel nostro Paese”, ha dichiarato.

 

Come ha sostenuto il Ministro dello Sviluppo, “l’ex pecora nera dell’area dell’euro, il paese più colpito dalla crisi, che ha perso il 25% della sua produttività nell’ultimo decennio, si sta ora trasformando in un nuovo punto caldo per gli investitori e in una delle economie più favorevoli all’imprenditorialità in tutto il mondo.”

P.S.: Una volta venditore televisivo, sempre venditore televisivo... Speriamo che il ministro Georgiadis non intenda esattamente quello che ha detto, nonostante la sua solita retorica da venditore. E che non creda sinceramente che le “zone calde” siano qualcosa a cui desiderare ardentemente di appartenere.