Pubblichiamo un articolo di Agoravox che, basandosi su una corposa rassegna di fonti scientifiche, mette in dubbio l’opportunità di vaccinare massivamente i giovani contro l’HPV, in particolare i soggetti di età maggiore, che potrebbero già essere venuti a contatto col virus. L’attuale frenesia nell’imporre ed estendere l’uso dei vaccini sembra anche in questo caso non fermarsi di fronte a nulla: né ai costi eccessivi del vaccino, né alle complicazioni e ai possibili effetti opposti a quelli desiderati che l’uso del farmaco ha evidenziato.

 

 

di G. Delépine, chirurgo cancerologo e statistico, 6 gennaio 2020

 

 

In sintesi: 12 anni dopo il suo rilascio, il vaccino HPV non ha ancora dimostrato di poter ridurre il rischio di cancro. I primi risultati, formalizzati dai registri tumorali di tutti i paesi che hanno organizzato grandi campagne di vaccinazione, mostrano invece che le campagne sono state seguite pochi anni dopo da un aumento del rischio di cancro invasivo.

 

La Francia, con bassi tassi di vaccinazione, presenta una bassa incidenza complessiva di cancro cervicale (6 casi su 1.000.000) mentre i paesi che hanno attuato grandi campagne di vaccinazione hanno da allora sofferto un rischio significativamente più elevato di cancro cervicale: 7,2 in Australia, 9,4 in Gran Bretagna, 8,8 in Svezia e 11,3 in Norvegia, dimostrando che lo screening è più efficace dell’associazione vaccinazione più screening.

 

Perché il Canard promuove il Gardasil? Data la mancanza di una sua reale necessità in Francia, il costo astronomico dell’obbligo proposto e le complicazioni segnalate, non si riesce a comprendere perché il Canard se ne voglia occupare. Credulità? Sottomissione? Speriamo che sciolga i nostri dubbi in un prossimo numero della rivista.

 

Il recente articolo del Canard merita una ritrattazione. Come mai il pluralistico e un tempo ben informato giornale si è trasformato in un rappresentante di vendita della Sanofi (azienda produttrice del vaccino, NdVdE)?

 

Un recente articolo del Canard [1] espone la consueta difesa del ministero e dei servizi di pubbliche relazioni della Sanofi sulla vaccinazione contro l’HPV (Papilloma virus, NdVdE). Questi evitano di menzionare le questioni cruciali per i cittadini, minacciati da ulteriori obblighi di vaccinazione, come l’assenza di una reale giustificazione medica, la notevole sproporzione tra il suo enorme costo e il piccolo beneficio immaginario, i suoi risultati cancerogeni che si sono dimostrati preoccupanti in caso di vaccinazione tardiva, e le sue complicazioni, che hanno attivato manifestazioni delle vittime e delle loro famiglie in diversi paesi, e giustificato risarcimenti di danni in notevole quantità negli Stati Uniti.

 

La vaccinazione contro il papillomavirus non ha mai dimostrato di ridurre il rischio di cancro. Le prime sperimentazioni che hanno ottenuto l’autorizzazione al commercio hanno dimostrato solo di poter ridurre le infezioni legate ai pochi ceppi su cui è mirato il vaccino[2] e le anomalie citologiche [3] presunte precancerose nelle donne non precedentemente infette, mentre erano aumentate le anomalie nelle donne con HPV preesistente[4]. L’INSERM nella sua recensione novembre-dicembre 2011 già dichiarava che “si sospettano gravi effetti collaterali: l’aumento del rischio di cancro se l’infezione è preesistente” [5].

 

Questo trattamento, il cui esito medico sulla malattia che dovrebbe trattare non è noto, è per definizione “sperimentale” e dovrebbe essere offerto solo con il consenso libero e informato di coloro a cui è proposto.

 

La speranza di un lontano esito benefico non può dispensare da un attento esame dei risultati cancerologici a medio termine! Tuttavia, i molti articoli [6] che profetizzano l’imminente eradicazione di questa malattia attraverso la vaccinazione sono solo previsioni [7] basate su ipotesi incerte che equiparano l’infezione e il cancro e non tengono conto dei risultati oncologici dimostrati nelle popolazioni reali. L’implausibilità di queste previsioni interessate è evidente quando si consultano le proiezioni sull’incidenza rilasciate dai servizi statistici ufficiali, che si basano sull’analisi dei tumori osservati e che sono molto pessimistiche per i paesi con alti tassi vaccinali come la Svezia (aumento del rischio del 60% tra il 2014 e il 2034) o della Gran Bretagna (aumento del rischio del 43% da qui al 2035).

 

Questa vaccinazione, anche se efficace, difficilmente sarebbe giustificata.

 

In Francia, grazie allo screening citologico ogni tre anni (si tratta dello screening noto come Pap test, NdVdE) il cancro cervicale è diventato una malattia rara, con un’incidenza [8] inferiore a 6 casi su 1.000.000 [9]. I sostenitori della vaccinazione parlano di 1.000 decessi all’anno ad esso correlati, ma non specificano mai che 800 di queste donne che sono morte non avevano eseguito lo screening citologico secondo le raccomandazioni[10]. Se lo screening fosse diffuso nell’intera popolazione a rischio, come il ministero ha finalmente promosso, ci sarebbero solo 200 decessi all’anno in Francia legati a questo cancro. In assenza di prove sull’efficacia anticancro, vaccinare 800.000 francesi ogni anno è totalmente sproporzionato rispetto al guadagno atteso ed è una scommessa rischiosa.

 

Questa discutibile scommessa ha un costo sproporzionato. Se questo progetto di obbligo del Gardasil, ricorrente e caro al ministro, dovesse passare, il suo costo per il sistema sanitario sarebbe davvero colossale!

 

Il nostro calcolo si basa sulle raccomandazioni dell’ ”appello dei 50” [11] che rappresenta l’opinione ufficiale.

 

Il prezzo del vaccino Gardasil 9 prescritto in Francia è di 135,68 euro a dose, pari a 407 euro per le tre dosi per gli adolescenti di età superiore ai 14 anni e di 271 euro per due dosi per i più piccoli [12]. Comprendendo le consultazioni necessarie per la sua somministrazione[13], il prezzo minimo della vaccinazione con due dosi (valido per i più giovani) raggiunge così i 411 euro. Tre dosi sono previste durante le vaccinazioni di recupero per gli adolescenti: il costo per ogni vaccinazione sale a 533 euro.

 

Negli ultimi dieci anni in Francia ci sono state circa 800.000 nascite all’anno. Una classe di età che raggiunge l’età della vaccinazione rappresenta quindi 800.000 bambini. In Francia, i promotori dell’obbligo vaccinale del Gardasil vogliono imporre la vaccinazione per ragazze e ragazzi (per equità!) dagli 11 ai 14 anni, con recupero fino a 19 anni.   In altre parole, nel primo anno di obbligo di vaccinazione intendono imporre la vaccinazione a 9 gruppi di età con vaccinazioni di 2 dosi per 4 gruppi di età (11,12,13 e 14 anni) e 3 dosi per 5 gruppi di età (15,16,17, 18 e 19 anni). Tale sistema richiede, per il primo anno, poco più di 18,4 milioni di dosi di vaccino per un costo dei soli vaccini di circa 2,5 miliardi di euro.  

 

Il costo totale delle vaccinazioni (comprese le consultazioni) nel primo anno di obbligo ammonterebbe a 1,315 miliardi di euro per i bambini con 2 dosi e 2,133 miliardi di euro per le vaccinazioni di recupero tra gli adolescenti, per un totale di tre miliardi e mezzo di euro. Ci vorrebbero poi 320 milioni di euro ogni anno per 20 anni prima di sperare di salvare qualche vita[14].

 

 

L’articolo del Canard propone quindi di spendere quasi 10 miliardi di euro per evitare forse 200 morti in 20 anni (se tutte le ipotesi molto ottimistiche del vaccino[15] fossero confermate). Questi miliardi – “magici” non sarebbero meglio utilizzati per ricostruire il nostro sistema sanitario ora in uno stato pietoso[16] e per confortare i nostri operatori sanitari allo stremo dopo venti anni di gestione puramente contabile e di dittatura burocratica [17]?

 

Quale banchiere accetterebbe un simile business plan? Sostenere questo obbligo in questo periodo di finanze pubbliche austere è del tutto irresponsabile.

 

Questa battaglia sui costi oncologici è già persa per le vaccinazioni di recupero. I registri oncologici ufficiali nei paesi che organizzano grandi campagne di vaccinazione mostrano che dopo la vaccinazione, il rischio di cancro è aumentato tra le giovani donne vaccinate in ritardo (in “recupero” dopo il primo rapporto sessuale).

 

Avevamo già messo in guardia da questo pericolo fin dall’agosto 2018 con un articolo di opinione su Agoravox[18] e la pubblicazione del libro “Isteria vaccinale: il Gardasil e il cancro, un paradosso”[19] ha avvertito il presidente dell’Istituto oncologico (che non ha negato i fatti oggettivi pubblicati dai registri internazionali del cancro, ma ha chiesto ulteriori evidenze …). Abbiamo regolarmente pubblicato aggiornamenti dei risultati oncologici pubblicati attraverso l’analisi di questi documenti statistici dal Dr. G Delépine (sia su agoravox che sul nostro sito web, divisi per paese per una maggiore leggibilità). [20] Ecco la sintesi attuale.

 

 

In Norvegia[21], secondo Nordcan [22] l’incidenza stabile [23] da 3 anni in ragazze che raggiungono i 15-24 anni nel 2016 (più dell’80% vaccinati) ha cominciato ad aumentare due anni dopo la campagna di vaccinazione scolastica. Tra il 2010-12 e il 2014-16, questa incidenza è triplicata, da 0,84 nel 2010-12 a 2,46 nel 2014-16! Nonostante il basso numero assoluto di tumori in questa fascia di età, questo aumento dell’incidenza tra il 2009-2011 e il 2014-2016 è statisticamente significativo (coefficiente di correlazione di Pearson cc = 0.969, p < 0,01) e quindi non è dovuto al caso.

 

In Svezia[24] secondo Nordcan, nella fascia di età 20-24 anni, vaccinata per più dell’80%, l’incidenza (stabile da 3 anni) è diminuita fino al 2008, quando il vaccino è stato messo sul mercato, per poi aumentare a più del doppio del valore iniziale (1,49 nel 2007 rispetto a 3,73 nel 2015). Nonostante il piccolo numero di casi osservati, questo aumento dell’incidenza è molto significativo (cc = 0,97 e p < 0,001).

 

In Gran Bretagna[25], secondo Cancer Research UK[26] lo stesso tipo di aumento dell’incidenza si osserva nella fascia di età più vaccinata (20-24 anni) 3 anni dopo l’inizio della campagna di vaccinazione scolastica: questo aumento dell’incidenza dei tumori invasivi è accompagnato anche da un aumento dei tumori in situ[27] scoperti dallo screening. I dati di Cancer Research UK mostrano che l’incidenza dei tumori in situ, in costante diminuzione dal 2000 al 2011, ha cominciato ad aumentare 3 anni dopo la campagna di vaccinazione.

 

In Australia[28] le vaccinazioni sono iniziate nel 2007 e non solo hanno riguardato solo le ragazze di età compresa tra 12 e 13 anni, ma sono state estese alle cosiddette vaccinazioni di recupero fino a 26 anni [29]. I gruppi vaccinati esposti a rischio di cancro[30] nel 2014 (gli ultimi dati delle fasce d’età pubblicati nell’ottobre 2019[31]) sono quelli delle donne di età compresa tra 20-24, 25-29 e 30-34 anni nel 2014. In questi tre gruppi, l’incidenza è aumentata e questo aumento non può essere dovuto al solo caso (questa differenza è statisticamente significativa a 0,01 per i 30-34enni).

 

La vaccinazione può essere imputata di questo aumento osservato del rischio di cancro?

 

Dimostrare che una politica di prevenzione è efficace può richiedere decenni; ma dimostrare che non lo è può essere veloce. Il disastro del Titanic illustra tragicamente questo paradosso. Prima della partenza, gli ingegneri dell’epoca proclamarono: “I prossimi vent’anni di navigazione sui mari più inospitali del mondo dimostreranno che la nostra nave è inaffondabile”. Ma ci sono volute solo poche ore per dimostrare che non lo era…

 

Alcuni, per scagionare il Gardasil da questo aumento dimostrato e precoce del rischio di cancro nelle persone vaccinate tardivamente, affermano che: “Ci vogliono da dieci a quindici anni perché si verifichi la malignità”. Hanno ragione in caso di evoluzione naturale, ma non c’è motivo di credere che questo rimanga vero dopo la vaccinazione. Tutte le vaccinazioni alterano significativamente il decorso naturale della malattia bersaglio (per questo vengono praticate!) e la vaccinazione trasforma anche l’atteggiamento del vaccinato verso il rischio di malattia[32]. La combinazione di questi due fattori è probabilmente deleteria[33].

 

La malattia di Marek è un esempio dimostrativo di vaccinazione contro il cancro con un risultato paradossale. Questa infezione aviaria, responsabile del linfoma e di danni ai nervi, fino al 1950 non fu molto virulenta e raramente fatale. Dopo l’applicazione di nuovi vaccini, sono apparsi ceppi patogeni sempre più virulenti, che possono causare la morte del 100% degli uccelli non vaccinati e causare maggiori danni negli uccelli vaccinati. Questo esempio di vaccinazione anticancro dimostra che esse possono causare il peggioramento della virulenza di un virus e portare al risultato opposto rispetto a quanto sperato. Si teme pertanto che i vaccini contro l’HPV possano esporre potenzialmente allo stesso rischio. Allo stesso modo, i primi vaccini candidati contro l’AIDS sono stati interrotti dopo le prove Step e Pampryl perché hanno aumentato il rischio di malattia. E il recente disastro del vaccino contro la dengvaxia nelle Filippine ci ha ricordato che una vaccinazione studiata male può portare all’effetto opposto e in tempi molto più brevi di quanto l’evoluzione naturale avrebbe potuto suggerire.

 

Il possibile, se non probabile, ruolo della vaccinazione in questo aumento di incidenze può essere considerato perché, in tutti i paesi vaccinati, l’aumento del rischio di cancro non colpisce l’intera popolazione, ma in particolare le fasce di età vaccinate, mentre l’incidenza continua a diminuire nelle donne sopra i 50 anni di età. Questo sospetto è rafforzato dall’analisi controllata nel tempo delle tendenze (analisi dei punti di rottura) che mostra che l’aumento dell’incidenza di solito si verifica due o tre anni dopo l’inizio delle vaccinazioni scolastiche. La ricerca sulle cause dell’aumento del rischio di cancro dopo la vaccinazione, che dovrebbe interessare il ministero, è fondamentale per determinare la migliore politica di prevenzione: lo screening (che si è dimostrato efficace) o una combinazione di screening e vaccinazione, con risultati preoccupanti.

 

Quale politica di prevenzione del cancro cervicale si è dimostrata la più efficace fino ad oggi?

 

Per visualizzare l’efficacia delle diverse politiche sanitarie, possiamo confrontare le curve evolutive[34] dei 20-29enni[35] in Australia, Gran Bretagna e Norvegia (apostoli della vaccinazione), con quella della Francia tra il 2007 (la data delle prime campagne di vaccinazione) e il 2012. Durante questo periodo di vaccinazione precoce, la Francia con poche vaccinazioni ha beneficiato di un continuo declino dell’incidenza dei tumori cervicali invasivi, mentre Norvegia, Svezia, Gran Bretagna e Australia hanno subito aumenti del rischio.

 

I dati pubblicati da Nordcan nel 2019, che confrontano l’evoluzione dei giovani svedesi e norvegesi nella fascia 20-24 anni (nel 2016) vaccinati per oltre l’80% a quella delle donne danesi della stessa età, poco vaccinate dopo la copertura mediatica degli incidenti neurologici post-Gardasil in questo paese, confermano il fenomeno: nel 2014-2016, dopo le campagne di vaccinazione, Svezia e Norvegia sono dietro la Danimarca mentre nel 2006-2008 questi paesi hanno avuto una minore incidenza di cancro. Nel 2006-2008 la Svezia con un’incidenza di 1,49, davanti alla Norvegia (3,28) e alla Danimarca (3,97); nel 2014-2016 la Danimarca è arrivata prima nel gruppo (3,06), davanti alla Svezia (3,73) e alla Norvegia (4,60) con la minore incidenza di cancro cervicale.

 

Che si tratti della Francia o della Danimarca, lo screening da solo sembra paradossalmente più efficace della combinazione di screening più vaccinazione!

 

La vaccinazione contro l’HPV, come qualsiasi altro trattamento attivo, non è priva di rischi. Il nostro ministro e altri sostenitori della vaccinazione proclamano in ogni occasione che il vaccino è sicuro. Tuttavia, la dichiarazione ufficiale dell’Agenzia Europea per i Medicinali specifica che dovrebbe essere evitato in caso di allergia (perché diversi casi di decesso per anafilassi sono stati riconosciuti e indennizzati[36] in diversi paesi).

 

Negli Stati Uniti, gli studi clinici statunitensi del Gardasil 9 segnalano morti inspiegabili, rischi significativi di tiroidite, sclerosi multipla e diabete di tipo 1 che da allora sono stati incorporati nel piano di farmacovigilanza. Il Sistema di Registrazione degli Eventi Avversi dei Vaccini (VAERS) ha totalizzato 51.968 effetti collaterali nel giugno 2019 (41.829 per il Gardasil, 5.337 per il Gardasil 9 e 3.579 per il Cervarix). Complessivamente, le vaccinazioni contro l’HPV in questo paese sono state seguite da 328 decessi (266 dopo il Gardasil e 5 dopo il Gardasil 9), 834 complicazioni potenzialmente letali e 2.011 casi di disabilità permanente tra cui infertilità, crisi epilettiche, disturbi di coscienza, paralisi, insufficienza muscolare, affaticamento intenso, mialgia, artralgia, mal di testa, nausea, dispnea…

 

In Giappone, il ministero ha stimato il rischio di gravi effetti collaterali a 245,1 ogni milione di vaccinazioni per Cervarix, e a 155,7 ogni milione di vaccinazioni per Gardasil [37].

 

Queste complicazioni post-vaccinazione hanno suscitato proteste pubbliche contro il Gardasil in diversi paesi: Giappone, Colombia[38], Irlanda. E non possiamo chiamare questi manifestanti novax, perché questi genitori hanno fatto vaccinare le loro figlie e non stanno protestando contro le vaccinazioni in generale, ma solo contro i vaccini HPV!

 

La negazione ufficiale permanente del rischio post-vaccinazione aggiunge disprezzo alla sofferenza delle vittime, scredita la comunicazione pubblica, fa un disservizio alle vaccinazioni e ai progressi scientifici.

 

In sintesi

 

Dodici anni dopo la sua introduzione, il vaccino HPV non ha ancora dimostrato di poter ridurre il rischio di cancro, e i suoi primi risultati formalizzati dai registri oncologici di tutti i paesi che hanno organizzato grandi campagne di vaccinazione, dimostrano invece che sono stati seguiti pochi anni dopo da un aumento del rischio di cancro invasivo.

 

La Francia poco vaccinata ha una bassa incidenza complessiva di cancro cervicale (6/100.000) mentre i paesi con grandi campagne di vaccinazione hanno da allora sofferto un rischio significativamente più elevato di cancro cervicale: 7.2 in Australia, 9,4 in Gran Bretagna, 8,8 in Svezia e 11,3 in Norvegia, dimostrando che lo screening è più efficace dell’associazione screening più vaccinazione.

 

Perché il Canard promuove il Gardasil? Data la sua mancanza di reale necessità in Francia, il costo astronomico dell’obbligo proposto e le complicazioni che sono state segnalate non è comprensibile che il Canard (in francese: l’Anatra) impigli le sue piume in questa vicenda. Credulità? Sottomissione? Speriamo che elimini i nostri dubbi in un prossimo numero della rivista.

 

 

[1] «Il vaccino è rimasto bloccato nella siringa » Il Canard del 24 12 2019

[2] Mentre ne esistono più di 150 che infettano le specie umane tra cui almeno 18 note per essere cancerogene.

[3] Le anomalie citologiche benigne dette di alto grado CN2 e CN3 sono state osservate nella storia oncologica delle donne (rischio di cancro del 5% per CN2 e 12% per CN3)

[4] VRBPAC Documento di contesto Gardasil™ Vaccino Quadrivalente HPV, 18 maggio 2006 VRBPAC Tavolo di discussione 17. Studio 013: Analisi del richiedente sull’efficacia contro i tipi di HPV, rilevanti per il vaccino, CIN 2/3 o peggiori tra i soggetti che erano positivi PCR e sieropositivi per i tipi di HPV pertinenti al giorno 1. [Dal BLA originale, studio] http://www.fda.gov/ohrms/dockets/ac/06/briefing/2006-4222B3.pdf.

[5] Vigilanza Farmaceutica: l’urgenza delle riforme, Scienza e Salute N. 5 novembre-dicembre 2011 (rivista dell’Istituto Nazionale di Salute e Ricerca Medica), p. 42 http://www.inserm.fr/mediatheque/infr-grand-public/fichiers/science-sante/science-sante-n-5-nov-dec-2

[6] Tutti scritti da persone finanziariamente legate ai produttori di vaccini o che vivono di vaccinazioni perché sono impiegati dalle agenzie che organizzano campagne di vaccinazione.

[7] N Delépine: Quando i risultati della simulazione matematica sostituiscono i risultati effettivi nelle informazioni, Agoravox 19 ottobre 2018

[8] Numero di nuovi casi annuali ogni 100.000 donne

[9] Questo tasso di 6/100.000 è la soglia che definisce una malattia rara secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità

[10] Ogni 3 anni dall’età di 25 anni

[11] https://www.lefigaro.fr/sciences/2019/03/20/01008-20190320ARTFIG00094-l-appel-de-50-societes-savantes-pour-la-vaccination-contre-le-cancer-du-col-de-l-uterus.php

[12] Due dosi nelle più giovani che non hanno avuto relazioni sessuali. Tre dosi per le meno giovani, sperando che la terza dose compensasse la bassa efficacia dimostrata in soggetti che avevano avuto relazioni, che ovviamente non è mai stata dimostrata.

[13] Il prezzo di una consultazione con un pediatra nel settore 1 è di 28 euro. Una vaccinazione a due dosi richiede 3 consultazioni (87 euro) e quelle con 3 dosi 4 consultazioni (126 euro)

[14] Il costo della vaccinazione supera il calcolo iniziale perché il prezzo del vaccino è aumentato di 20 euro per iniezione. https://www.agoravox.fr/tribune-libre/article/300-millions-eur-an-pour-les-219458

[15] Sarebbe inoltre necessario che i ceppi di HPV dei vaccini fossero le uniche possibili cause di cancro, tutti sradicati per tutta la vita, con nessun fenomeno di resistenza o sostituzione con uno qualsiasi degli altri 140 ceppi.

[16] N Delpine Sistema Sanitario in emergenza assoluta: alcuni rimedi da applicare senza indugio Agoravox maggio 2018 https://www.agoravox.fr/tribune-libre/article/systeme-de-sante-en-urgence-204533

[17] N Delépine La burocrazia soffoca il sistema sanitario. Mettiamo a dieta il mammut per sconfiggere questo flagello Agoravox giugno 2018 https://www.agoravox.fr/tribune-libre/article/la-bureaucratie-etouffe-le-systeme-204868

[18] https://www.agoravox.fr/tribune-libre/article/effet-paradoxal-du-gardasil-206898

[19] Edizioni Fauves Novembre 2018 N e G Delépine

[20] https://www.agoravox.fr/tribune-libre/article/gardasil-augmentation-du-taux-de-218354

[21] docteur.nicoledelepine.fr/evolution-de-lincidence-du-cancer-du-col-de-luterus-en-norvege-depuis-la-vaccination-le-programme-de-vaccination-des-filles-a-commence-durant-lannee-scolaire-2009-2010 qui con curve dettagliate.

[22]http://www-dep.iarc.fr/NORDCAN/english/frame.asp

[23] L’impatto si riferisce al numero di nuovi casi annuali ogni 100.000 donne; quando i casi osservati sono pochi, si possono osservare fluttuazioni significative anno su anno a causa di un singolo caso; in queste circostanze l’incidenza media per diversi anni consecutivi (incidenza stabile) rappresenta più accuratamente la tendenza effettiva.

[24] docteur.nicoledelepine.fr/evolution-du-risque-de-cancer-du-col-de-luterus-en-suede-depuis-la-vaccination-par-gardasil/

[25] docteur.nicoledelepine.fr/evolution-du-risque-de-cancer-invasif-du-col-de-luterus-en-grande-bretagne-depuis-la-vaccination-par-gardasil/

[26] https://www.cancerresearchuk.org/health-professional/cancer-statistics/statistics-by-cancer-type/cervical-cancer/incidence

[27] Il cancro in situ è un cancro superficiale, puramente intra-epiteliale, che non ha attraversato il basale; le cellule tumorali di questo cancro in situ possono essere rilevate anni prima che il cancro diventi invasivo; lo screening può trattare questo cancro in situ prima che diventi invasivo. Se la vaccinazione fosse stata efficace, avrebbe dovuto ridurre l’incidenza dei tumori in situ.

[28] docteur.nicoledelepine.fr/evolution-du-risque-de-cancer-du-col-de-luterus-en-australie-depuis-la-vaccination-par-gardasil-de-2007-a-2014/

[29] Come mostrano i rapporti e il calendario del “Centro Nazionale per l’Immunizzazione” australiano.

[30] Il rischio di cancro cervicale è zero fino a 15 anni, minuscolo da 16 a 20 anni, appare tra 20 e 24 anni con picchi tra i 25 e i 45 anni. La popolazione a rischio è quindi quella delle donne di età superiore ai 20 anni. Dato l’attuale piccolo calo dei registri tumorali (7-8 anni) possiamo solo valutare le vaccinazioni somministrate alle ragazze adolescenti di età compresa tra i 13 e i 18 anni di età che avevano tra i 20 e i 25 anni all’ultima rilevazione pubblicata, ad eccezione dell’Australia, dove le vaccinazioni di recupero sono state estese a 26 anni di età.

[31] 2017 Incidenza e mortalità del cancro in Australia (ACIM) libri: cancro cervicale Canberra: AIHW.   http://www.aihw.gov.au/acim-books  salute e benessere australiani.

[32] La falsa pubblicità dei vaccini contro l’HPV fa credere alle donne di essere protette dal cancro cervicale e può indurle a interrompere lo screening e ad adottare un’attività sessuale più intensa.

[33] Diane M Harper, Pekka Nieminen, Jorma Paavonen, Matti Lehtinen. L’incidenza del cancro cervicale può aumentare nonostante la vaccinazione contro l’HPV www.thelancet.com/infection&nbsp;  Vol. 10 settembre 2010

[34] Pubblicato nel 2019 dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro IARC, un’agenzia dell’OMS con sede a Lione http://ci5.iarc.fr/CI5plus/Default.aspx

[35] Le pubblicazioni IARC non consentono uno studio specifico della fascia di età 20-24 anni, ma solo gruppi di dieci anni.

[36] In Spagna, Giappone e Stati Uniti (https://newyork.legalexaminer.com/health/fda-prescription-drugs/family-found-to-have-met-burden-of-proof-that-gardasil-caused-daughters-death/) e persino in Francia (caso Orlane)

[37] The Japan times JUN 15, 2013

[38]  Charles Buchanan, Mistero in Colombia: Centinaia di giovani ragazze colpite da uno strano male. THE CANADIAN PRESS AP, Daily Free Press, 7 9 2014